Draghi sul pagamento del gas in rubli: "Seguiremo gli indirizzi della Commissione Ue"

Nuovo decreto legge governo 5 gennaio 2022: ecco cosa prevede

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

ROMA – Nuovo decreto legge governo 5 gennaio 2022: ecco cosa prevede. L’esecutivo, nel corso del consiglio dei ministri di ieri, ha infatti approvato un nuovo decreto legge su proposta del presidente Mario Draghi e del ministro della Salute Roberto Speranza, riguardante ulteriori misure per contenere l’ondata di Covid che sta colpendo anche il nostro Paese nelle ultime settimane. Si tratta di misure urgenti che andranno ad impattare soprattutto nei luoghi di lavoro e nelle scuole, oltre all’obbligo vaccinale per una fascia di popolazione.

Nel testo infatti si introduce l’obbligatorietà della vaccinazione per gli over 50. Per i lavoratori pubblici e privati con 50 anni di età sarà necessario il green pass rafforzato per l’accesso ai luoghi di lavoro a partire dalla data del1 5 febbraio, che prevede proprio la vaccinazione come requisito per avere quel tipo di certificazione verde. L’obbligo vaccinale è esteso anche al personale universitario che viene quindi equiparato a quello scolastico. Esteso il green pass base (vaccinazione o tampone negativo nelle 48 ore) anche ai clienti di attività per i servizi alla persona, uffici pubblici, servizi postali, bancari e finanziari, attività commerciali. A breve verranno comunicate le attività che saranno esentate da questo obbligo per il soddisfacimento di esigenze essenziali e primarie della persona (supermercati, farmacie e simili).

Nuovo decreto legge governo 5 gennaio 2022: ecco cosa prevede

Raccomandato sia nel pubblico che nel privato il massimo uso possibile dello smart working nelle prossime settimane, mentre per il mondo della scuola arrivano alcune modifiche: per la scuola dell’infanzia già in caso di una positività è prevista la sospensione dell’attività per 10 giorni. Per la scuola primaria con un caso di positività si attiva la sorveglianza con testing  proseguendo l’attività in classe effettuando un test antigenico rapido o molecolare appena si viene a conoscenza del caso di positività da ripetere dopo cinque giorni. In caso di due o più positività scatta la Dad per 10 giorni.

Per la scuola secondaria di primo e secondo grado, auto sorveglianza con mascherine Ffp2 per un solo caso di positività, mentre per due casi nella stessa classe è prevista la didattica digitale integrata per coloro che hanno concluso il ciclo vaccinale primario da più di 120 giorni o che sono guariti da più di 120 giorni, che non hanno avuto la dose di richiamo del vaccino. Per tutti gli altri, è prevista la prosecuzione delle attività in presenza con l’auto-sorveglianza e l’utilizzo di mascherine FFP2 in classe. Con tre casi scatta automaticamente la Dad per 10 giorni.

Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24