Pagurus: il catamarano anfibio che si muove anche sulla terraferma a soli 30 milioni di dollari

Pagurus: il catamarano anfibio che si muove anche sulla terraferma a soli 30 milioni di dollari

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.comSegnala a Zazoom - Blog Directory
 

Di solito, quando vediamo yatch di lusso e imbarcazioni costose, nessuno pone il problema di dover camminare anche sulla terraferma. Tuttavia. con il Pagurus non devi necessariamente attraccare al molo: può tranquillamente strisciare sulla terraferma come se fosse un granchio. Il termine Pagurus deriva dal latino e indica proprio il granchio. La chiave delle capacità anfibie di questo mini-superyacht di 25 metri è il design dei suoi scafi gemelli. Nascosti nelle rientranze ci sono quattro cilindri in acciaio lunghi 6 metri, ciascuno dotato di una flangia a spirale elicoidale che assomiglia al filo di una vite gigante. Raggiungi una spiaggia e, con il semplice tocco di un pulsante, tutti e quattro i cilindri cadono dagli scafi.

Con ciascuno alimentato dal proprio motore diesel da 440 CV, le viti girano, mordendo la sabbia, trascinando il catamarano a terra. “Sarebbe lo yacht da esploratore definitivo, con la capacità di portarti a terra oltre che in mare“, ha detto Pierpaolo Lazzarini a Robb Report. L’idea originale di Lazzarini era per una versione militare del catamarano. Ha anche prodotto un rendering con vernice mimetica e un cannone sul tetto. Ma vedendo un enorme aumento degli acquirenti di yacht di lusso che cercano una soluzione alternativa con amici e familiari, ha ritenuto che una versione privata che circonda il mondo con cabine per otto, avrebbe un vero fascino. Una grande attrazione della capacità di Pagurus di strisciare sulla riva, oltre a farti vedere i pinguini fuori dalla finestra della tua camera da letto, è di andare in esplorazione nel tuo 4×4. In questo caso, un Tesla Cybertruck.

Pagurus: il catamarano da 30 milioni di dollari

Abbiamo immaginato che potesse essere stivato su una piattaforma tra gli scafi e calato a terra con argani. La stessa piattaforma potrebbe essere utilizzata per contenere un paio di Tesla Cybertruck elettrici o motoslitte“, afferma. E spremere le Tesla sarebbe facile, grazie agli enormi banchi di pannelli solari incorporati nei ponti. Anche la rotazione dei cilindri delle viti quando il catamarano è in viaggio è progettata per aiutare a caricare le batterie.

Vuoi navigare in quella baia remota senza disturbare la fauna selvatica? Quelle eliche elicoidali subacquee potrebbero girare sotto una silenziosa energia elettrica per spingere lo yacht a una velocità furtiva di cinque nodi. Lazzarini dice che la sua ispirazione è venuta da un granchio gigante da cui lo yacht prende il nome. Lo si vede negli scafi dai lati alti e nella sovrastruttura bassa in fibra di carbonio con il suo caratteristico e sottile semicerchio di vetro.

Facendo eco al guscio duro di un granchio, lo scafo in acciaio di Pagurus avrebbe uno spessore fino a un pollice con rinforzi extra intorno alla prua per una frantumazione del ghiaccio sicura ed efficace. Il concetto di Pagurus potrebbe essere trasformato in realtà per circa 30 milioni di dollari. Se ti piace la forma ma non tanto l’ambiziosa tecnologia a vite, un Pagurus più leggero, costruito in fibra di carbonio con potenza a getto d’acqua e una velocità massima di 32 nodi, potrebbe essere costruito per circa 8 milioni di dollari.

Via

Fonte immagine copertina: Robbreport

 

Per favore supportaci e metti mi piace!!

Autore dell'articolo: Francesco Menna

Avatar
Mi chiamo Francesco, classe 96. Laureato in Ingegneria Meccanica e studente alla magistrale di Ingegneria Meccanica per l'Energia e l'Ambiente alla Federico II di Napoli. Passione sfrenata per tutto ciò che ha un motore e va veloce. Per info e collaborazioni inviare una mail a framenna96@gmail.com