Ronaldo al Manchester United? La Juve chiede un giocatore in cambio!

 

Dopo tre anni, si chiude l’esperienza di Cristiano Ronaldo alla Juventus. 134 partite, 101 gol, 5 trofei e un titolo di capocannoniere, ma anche le deludenti campagne europee in Champions League che ne macchiano un percorso altrimenti decisamente positivo. Ora, CR7 è pronto a tornare in Inghilterra, laddove diventò il fenomeno che tutti abbiamo imparato a conoscere negli ultimi 15 anni. Dove, però? Sembrava dovesse essere sicuro il suo trasferimento al Manchester City, ma potrebbe non essere così.

Cristiano Ronaldo al Manchester United? La rivelazione di Solskjaer

Ronaldo potrebbe tornare al Manchester United, nella squadra dove è sbocciato agli ordini di Sir Alex Ferguson e dove ha vinto la sua prima Champions League. Come confermato da Solskjaer, tecnico dei Red Devils: “Cristiano è una leggenda qui allo United. Abbiamo sempre avuto un buon rapporto con lui e sa che, se vuole, noi ci siamo. Cristiano sa perfettamente cosa pensiamo di lui. Bruno Fernandes ci ha già parlato“. Insomma, lo United sembra intenzionato a fare uno sgarbo ai cugini Citizens, mettendo sul piatto i 30 milioni richiesti dalla Juventus.

Juventus, Ronaldo addio: scambio col Manchester United, torna Pogba?

La Juve, però, è pronta a chiedere un calciatore in cambio, e la presenza di Raiola alla Continassa di ieri pomeriggio può essere un indizio in questo senso: riportare a Torino Paul Pogba sarebbe un sogno per società e tifosi, e sistemerebbe i problemi della Juve a centrocampo. Ovviamente, servirebbe un conguaglio da versare agli inglesi: il francese ha una valutazione di circa 60 milioni, quindi con 30 milioni i bianconeri potrebbero provare a convincere Solskjaer a liberarlo. Situazione in evoluzione.

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Davide Roberti