Silvia Conti: da Sanremo a “Piedi Nudi”

intopic.it feedelissimo.com  
 

Si intitola “A piedi nudi (psichedeliche ipnotiche nudità)” il nuovissimo disco che rompe il silenzio artistico della cantautrice toscana Silvia Conti. Da quel Sanremo a questa nuova e bellissima produzione RadiciMusic Records che confeziona con un artwork assai raffinato e colorato il disco della Conti: a piedi nudi, una metafora di cammino, di vita, di come si sta al mondo o forse di come si dovrebbe stare. Tracy Chapman cantava “Cold Feet” e il tema in un certo modo ricorre: una produzione raffinata e di personalità per questa voce graffiante, assai ricca di espressione e umanità. La canzone d’autore della Conti è spigolosa di quella rabbia e di quella matura esperienza di sapere ormai come stanno le cose… quanto meno con la maturità di donna e di artista che manifesta con carattere il proprio pensiero. Canzoni come “Il canto della scimmia” o la stessa “Tom Tom” di cui esiste il video ufficiale, non fanno altro che dare direzioni ed un fermo punto di vista su chi siamo, su dove stiamo andando e su quanto coraggio serva per diventare se stessi. Un disco sociale per tantissimi punti di vista. E non aspettatevi certamente la banalità di un ritornello facile o di rime baciate, anzi incollate. Non è un pop da cassetta questo. Anche se purtroppo (o per fortuna) sta tornando in scena anche quello…

Ripartiamo da quel Sanremo. La musica di ieri, quel certo modo di scriverla e di cantarla… è ancora nelle tue vene oppure l’hai abbandonata completamente?
Se per musica di ieri intendi quel Sanremo e quegli anni non posso dire di averla abbandonata perché non mi è mai appartenuta, soprattutto quella italiana. Se invece per musica di ieri intendi la musica degli anni ’60 e ’70, specialmente quella inglese e americana allora ti dico che quella è ancora nelle mie vene, scorre viva e sana dentro di me.

Oggi dici di essere “A piedi nudi”. Cosa significa per te?
Significa che mi sono consegnata “nuda” a chi mi ascolta, che quello che sente è vero, non c’è niente di costruito o di ruffiano. In questo periodo storico, soprattutto, c’è bisogno di mostrarsi, di far sentire la propria voce, forte e chiara e, nel mio piccolo, è quello che ho cercato di fare.

Questo disco mi sa tanto di un lavoro che celebra la verità. Acqua e sapone, ricco di produzione ma semplice dal punto di vista umano. È questa la tua ricetta di verità?
È quello che ti stavo dicendo prima, è un disco vero e proprio per questo semplice perché la verità è semplice e diretta. Questo non significa che sia anche facile, anzi. Si può dire che questo è un lavoro nato da una “necessità” personale: ho sentito forte il desiderio di liberarmi e, nel farlo, ho avuto la fortuna di incontrare compagni fantastici che mi hanno aiutata e accompagnata per tutto il viaggio.

Un altro ingrediente importante sono i colori. Questo disco è coloratissimo nella sua estetica. C’è un motivo preciso per caso?
I colori fanno parte di me, da sempre, non potevano mancare. Ho personalmente curato il packaging, aiutata ovviamente da Stefania e Aldo di RadiciMusic Records che hanno, pazientemente, assecondato ogni mio desiderio. È il mio disco ma in realtà è frutto di un lavoro collettivo, senza i miei collaboratori non sarebbe stata la stessa cosa.

E poi la poesia. Il disco si apre con questa “Mi minore dalla Leti”. Ci ho letto le basi da cui partire, anzi le origini a cui tornare… non è così?
È un nuovo inizio e ogni nuovo inizio ha bisogno di radici forti, quindi sì, hai detto bene. “Mi minore dalla Leti” è un brano molto importante per me, è una specie di carta d’identità.

Per chiudere ti chiedo: un altro video in arrivo dopo il singolo “Tom Tom”?
Ci stiamo lavorando. Probabilmente in autunno riusciremo a tirare fuori questo coniglio dal cilindro (e se ricorderai queste mie parole capirai anche il perché).

 
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di WebMagazine24
 
 

Articoli consigliati:


Autore dell'articolo: Marco Vittoria