‘Storia di mia moglie’ di Ildikó Enyedi dal 14 aprile al cinema

‘Storia di mia moglie’ di Ildikó Enyedi dal 14 aprile al cinema

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

ROMA – ‘Storia di mia moglie’ di Ildikó Enyedi sarà dal 14 aprile al cinema. La trama è ambientata a Parigi, negli anni 20. Tra il capitano Störr e la misteriosa Lizzy nasce una travolgente storia d’amore destinata a cambiare per sempre le loro vite. In concorso a Cannes, ‘Storia di mia moglie’ di Ildikó Enyedi, con Léa Seydoux, Gijs Naber, Louis Garrel e Sergio Rubini, sarà dal prossimo 14 aprile in tutte le sale cinematografiche italiane con Altre Storie.

Scaltro, interessato ai soldi e al lusso ma ignaro di che cosa sia il vero amore, Sergio Rubini interpreta Kodor e rappresenta l’unica presenza italiana in ‘Storia di mia moglie’. Magnetica, brillante, inafferrabile, Lizzy vive invece ogni istante con passione: è interpretata da Léa Seydoux.

‘Storia di mia moglie’ di Ildikó Enyedi dal 14 aprile al cinema

Di rilievo, dunque, anche la presenza di Sergio Rubini, attore di lungo corso che nel 1990 ha esordito anche come regista con “La stazione”, film tratto da un’opera teatrale di Marino con cui vince come miglior film alla Settimana internazionale della critica al Festival di Venezia, cui seguono “La bionda” (1993), la commedia Prestazione straordinaria” (1994), sul tema delle molestie sessuali, “Il viaggio della sposa” (1997), “Tutto l’amore che c’è” (2000), “L’anima gemella” (2002), “L’amore ritorna” (2004), “La terra” (2006), “Colpo d’occhio” (2008), “L’uomo nero” (2009), “Mi rifaccio vivo” (2013) e “Dobbiamo parlare” (2015).

Il suo modo di fare cinema sarà influenzato anche da due figure fondamentali: l’attrice Margherita Buy, compagna di lavoro e poi di vita, e il regista Gabriele Salvatores che, con Nirvana (1997), Denti (2000) e Amnèsia (2002), ne estrapolerà l’aspetto surreale.

Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24