Strane creature trovate sotto il ghiaccio dell'antartico

Strane creature trovate sotto il ghiaccio dell’antartico

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Molto al di sotto delle piattaforme di ghiaccio dell’Antartico, troviamo più vita del previsto, secondo uno studio recente sulla rivista Frontiers in Marine Science. Durante un’indagine esplorativa, i ricercatori hanno perforato 900 metri di ghiaccio nella piattaforma Filchner-Ronne, situata sul mare di Weddell sud-orientale. A una distanza di 260 km dall’oceano aperto, in completa oscurità e con temperature di -2,2 ° C, sono stati osservati pochissimi animali in queste condizioni, delle strane creature. Ma questo studio è il primo a scoprire l’esistenza di animali stazionari – simili a spugne e potenzialmente diverse specie precedentemente sconosciute – attaccati a un masso sul fondo del mare. “Questa scoperta è uno di quei fortunati incidenti che spinge le idee in una direzione diversa. Mostra una vita marina incredibilmente speciale nel mondo ghiacciato“, afferma il biogeografo e autore principale, il dottor Huw Griffiths del British Antarctic Survey.

A differenza del solito, questa ricerca solleva molte più domande, rispetto a quante ne risponde. La prima domanda ad esempio è come siano arrivati fin lì. Chiaramente possiamo porre decine di altre domande su queste specie. Le piattaforme di ghiaccio galleggianti rappresentano il più grande habitat inesplorato dell’Oceano Antartico. Coprono più di 1,5 milioni di chilometri quadrati della piattaforma continentale antartica. Tuttavia solo un’area totale di dimensioni simili a un campo da tennis è stata studiata attraverso otto fori precedenti.

Strane creature tra i ghiacci: cosa hanno scoperto?

Le attuali teorie su ciò che la vita potrebbe sopravvivere sotto i ghiacci suggeriscono che tutta la vita diventa meno abbondante man mano che ci si allontana dall’acqua aperta e dalla luce solare. Studi precedenti hanno trovato alcuni piccoli predatori. Ma gli organismi che si nutrono di filtri, che dipendono da una scorta di cibo dall’alto, dovevano essere tra i primi a scomparire ulteriormente sotto il ghiaccio.

Quindi, è stata una sorpresa quando il team di geologi, perforando il ghiaccio per raccogliere campioni di sedimenti, ha colpito una roccia invece del fango sul fondo dell’oceano sottostante. Sono rimasti ancora più sorpresi dal filmato, che mostrava un grande masso ricoperto di strane creature. Chiaramente i ricercatori continueranno a studiare questi animali, per scoprire più cose possibili.

Via

Fonte immagine copertina: Phys

Autore dell'articolo: Francesco Menna

Mi chiamo Francesco, classe 96. Laureato in Ingegneria Meccanica e studente alla magistrale di Ingegneria Meccanica per l'Energia e l'Ambiente alla Federico II di Napoli. Passione sfrenata per tutto ciò che ha un motore e va veloce. Per info e collaborazioni inviare una mail a framenna96@gmail.com