Ultimo: “Obbligheremo i parenti dei mafiosi che non collaborano con la giustizia a innaffiare gli alberi in memoria di Falcone”

Ultimo: “Obbligheremo i parenti dei mafiosi che non collaborano con la giustizia a innaffiare gli alberi in memoria di Falcone”

Condividi su:

 

FREGENE – “Obbligheremo i parenti dei mafiosi che non collaborano con la giustizia ad andare a innaffiare gli alberi che vengono piantati ogni anno in occasione dell’anniversario dalla scomparsa di Giovanni Falcone”. Lo ha affermato il Capitano Ultimo (Sergio De Caprio) in occasione del Festival della Politica, che si è tenuto ieri a Fregene, nel comune di Fiumicino, su iniziativa del giornalista Marco Antonellis. Il Capitano Ultimo ha ricordato e lodato il costante impegno delle forze dell’ordine per la lotta alla criminalità organizzata, e ha poi spiegato alcuni dei punti che caratterizzano la sua proposta per le prossime europee.

Ultimo: “Obbligheremo i parenti dei mafiosi che non collaborano con la giustizia a innaffiare gli alberi in memoria di Falcone”

“Andremo in Europa a chiedere che la politica dei grandi sistemi lasci spazio alle persone, le stesse che non vanno più a votare”, ha detto Sergio De Caprio. “Questa Europa ha fallito e dobbiamo riprendere in mano i territori. Proponiamo i comuni uniti d’Europa”. A tale proposito, il Capitano Ultimo ha spiegato che “devono essere i territori a decidere cosa sia meglio per la propria comunità. Devono essere le comunità ad autodeterminarsi”. L’ambiente è uno dei temi che è più a cuore del Capitano Ultimo e per questo ha lanciato la proposta di “dotare i comuni di 2 megawatt di fotovoltaico, così da produrre energia per la comunità e generare anche introiti in modo da non gravare ulteriormente sulle tasse dei cittadini”.

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24