Unioncamere, Cna: “Nel 2023 primo consistente saldo positivo per le imprese artigiane tra luci e ombre”

Condividi su:

 

ROMA – Le imprese artigiane finalmente mostrano il primo consistente saldo attivo dal 2008. L’anno scorso, secondo i dati Unioncamere, il saldo tra iscrizioni e cessazioni è stato positivo e pari a 4.419 unità. È quanto rileva CNA in un comunicato. Si tratta di un dato consistente in un anno difficile, contrassegnato da un peggioramento dello scenario geopolitico internazionale e dal permanere di una forte incertezza dell’economia.

Considerato che l’anno scorso il numero complessivo delle imprese italiane è aumentato di 42.039 unità, secondo i dati di Unioncamere, il contributo dell’artigianato è stato rilevante: su un incremento di 100 imprese quasi undici sono artigiane. L’andamento dell’artigianato tuttavia mostra luci e ombre in termini di dinamiche settoriali. Trend molto positivo per le costruzioni (+6.739 imprese), che hanno potuto godere ancora della spinta della domanda alimentata dai bonus per l’edilizia, i servizi per la persona (+2.152 imprese) e i servizi per gli edifici e il paesaggio (+1.042), ambito all’interno del quale sono comprese le imprese di pulizia.

Unioncamere, Cna: “Nel 2023 primo consistente saldo positivo per le imprese artigiane tra luci e ombre”

I settori che hanno accusato una diminuzione del numero delle imprese artigiane sono invece la manifattura (-3.362 imprese), il commercio (-1.311 imprese) e il trasporto/magazzinaggio (-844 imprese). Per quanto riguarda la manifattura il dato riguardante l’artigianato desta più di una preoccupazione: se da un lato infatti la diminuzione ha riguardato pressoché tutti gli ambiti settoriali (l’unico a essere in netta controtendenza è il comparto delle riparazioni e della manutenzione di macchinari, +493 imprese), dall’altro essa va in controtendenza rispetto alla dinamica delle imprese non artigiane il cui numero è invece aumentato lievemente (+400 imprese).

Questa fotografia, conclude infine la Cna, evidenzia l’esigenza di aggiornare la legge quadro sull’artigianato per favorire la crescita di un settore fondamentale del Made in Italy e dell’economia nel complesso.

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24