Amazon banna Parler: social rimosso da Google Play Store e App Store

Amazon banna Parler: social rimosso da Google Play Store e App Store

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.comSegnala a Zazoom - Blog Directory
 

I social network hanno avuto due settimane letteralmente di fuoco per quanto riguarda l’accaduto negli Stati Uniti d’America. In particolare, dopo il ban dell’account di Donald Trump da Twitter e il blocco temporaneo su Facebook, torna a sfogarsi su Parler. Immediata la risposta degli store più popolari come Amazon, Google e Apple. In particolare, Amazon banna Parler il giorno dopo che Play Store e App Store avevano rimosso il social network dalla propria piattaforma.

Amazon infatti sospenderà nei confronti di Parler l’accesso ai servizi di hosting AWS dell’azienda, secondo BuzzFeed News. La sospensione entrerà in vigore già da oggi. A meno che Parler non riesca a trovare un nuovo host prima di allora, andrà offline. In un’e-mail ottenuta da BuzzFeed News, un membro del team Trust and Safety di Amazon Web Services ha detto all’azienda di aver violato i suoi termini e servizi. Inoltre, ha aggiunto che Amazon non è convinto che Parler sarà in grado di moderare efficacemente la sua piattaforma affidandosi solo a un team di volontari.

Amazon banna Parler

Nelle ultime settimane, abbiamo segnalato a Parler 98 esempi di post che incoraggiano e incitano chiaramente alla violenza. È chiaro che Parler non dispone di un processo efficace per rispettare i termini di servizio di AWS. Sembra anche che Parler stia ancora cercando di determinare la sua posizione sulla moderazione dei contenuti“, si legge nella lettera. “Poiché Parler non può rispettare i nostri termini di servizio e rappresenta un rischio molto reale per la sicurezza pubblica, abbiamo in programma di sospendere l’account di Parler a partire da domenica 10 gennaio“.

Il CEO di Parler John Matze ha confermato la sospensione sabato sera. “Domenica a mezzanotte Amazon chiuderà tutti i nostri server” ha detto in un post sulla piattaforma. “C’è la possibilità che Parler non sia disponibile su Internet per un massimo di una settimana mentre ricostruiamo da zero il tutto. Ci siamo preparati per eventi come questo non facendo mai affidamento su infrastrutture proprietarie di Amazon“. Senza un host e nessun accesso all’App Store o a Google Play, è difficile vedere dove Parler sarà ospitato. Matze ha detto che Parler ha “molte” aziende in competizione per la sua attività.

Via

Fonte immagine copertina: IlPost

Per favore supportaci e metti mi piace!!

Autore dell'articolo: Francesco Menna

Avatar
Mi chiamo Francesco, classe 96. Laureato in Ingegneria Meccanica e studente alla magistrale di Ingegneria Meccanica per l'Energia e l'Ambiente alla Federico II di Napoli. Passione sfrenata per tutto ciò che ha un motore e va veloce. Per info e collaborazioni inviare una mail a framenna96@gmail.com