APE Sociale: proroga al 2022 e nuovi requisiti

APE Sociale: proroga al 2022 e nuovi requisiti

 
RSS
Follow by Email
Twitter
Visit Us
Follow Me

ROMA – La legge di bilancio 2022 ha prorogato il periodo di sperimentazione dell’APE Sociale fino al 31 dicembre 2022 e ha introdotto nuove condizioni per il riconoscimento del beneficio ai disoccupati e ai lavoratori dipendenti che svolgono attività gravose.

In attesa della pubblicazione della circolare illustrativa delle nuove disposizioni, con il messaggio 20 gennaio 2022, n. 274 l’Inps comunica la riapertura delle domande di riconoscimento delle condizioni per l’accesso all’APE Sociale e fornisce le prime istruzioni per l’applicazione della proroga prevista.

APE Sociale: proroga al 2022 e nuovi requisiti

Nella sezione Moduli sono disponibili anche i modelli per le attestazioni che i datori di lavoro devono rilasciare ai lavoratori, differenziati a seconda che il richiedente del beneficio sia un lavoratore dipendente del settore privato o del settore pubblico (AP148), o un lavoratore domestico (AP149).

L’indennità cosiddetta APE Sociale è corrisposta, a domanda, fino al raggiungimento dell’età prevista per la pensione di vecchiaia, ovvero fino al conseguimento della pensione anticipata o di un trattamento conseguito anticipatamente rispetto all’età per la vecchiaia di cui all’articolo 24, comma 6, del decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201, convertito dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214 (cd. legge Monti-Fornero). Si tratta di una misura sperimentale in vigore dal 1° maggio 2017 la cui scadenza, in seguito a successivi interventi normativi (l’ultimo dei quali con l’articolo 1, commi 91, 92 e 93, legge 30 dicembre 2021, n. 234), è stata prorogata fino al 31 dicembre 2022.

Please follow and like us:
Pin Share
 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *