Apple investirà in chip fatti in casa Visiere Apple per medici

Apple investirà in chip fatti in casa e divorzia da Intel

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Apple investirà in chip fatti in casa, il colosso di Cupertino pone fine alla collaborazione con Intel

Le novità di Cupertino mettono il turbo alla quotazione del titolo: Apple investirà in chip fatti in casa, presentato anche il macOS Big Sur.

Apple pensa ad un futuro 100% made in Cupertino. Gli sviluppatori avranno a disposizione prodotti con la stessa architettura; quindi sarà più facile scrivere e ottimizzare le proprie app per l’intero ecosistema. Dunque, termina la storica collaborazione con Intel; ma non è l’unica novità per gli appassionati del marchio.

Transizione processori Intel – Apple

In arrivo nuovi chip per Mac targati Apple, dunque la svolta prevede il divorzio da Intel. Il calendario prevede che i nuovi chip trovino spazio prima del 2021; quindi il colosso punta ad offrire prestazioni all’avanguardia e nuove potenti tecnologie nel brevissimo temine.

Per agevolare il lavoro degli sviluppatori c’è in programma anche il lanciando di una “Universal App Quick Start Program“; un pacchetto che consentirà di accedere a documentazione, assistenza ed anche versioni beta. Previsto inoltre l’utilizzo di un “Developer Transition Kit“, sistema di sviluppo Mac su SoC (System on a Chip) A12Z Bionic di Apple.

Se la nascita del primo chip Apple è prevista a brevissimo, la transizione dovrebbe completarsi in circa un paio di anni; quindi Apple continuerà a supportare versioni con processori Intel.

Sistema operativo macOS Big Sur

Apple ha presentato anche macOS Big Sur, la nuova release di macOS; dunque pone le basi per un imponente aggiornamento: il più importante che si ricordi da oltre un decennio; infatti includerà una serie di tecnologie che porteranno ad una graduale transizione al 100% made in Cupertino. Gli sviluppatori potranno portare sul Mac le app per iOS ed anche iPadOS, senza interventi di modifica; inoltre è prevista una versione beta all’interno dell’ “Universal App Quick Start Program“.

Saranno incluse funzioni in Xcode 12: compiler nativi, editor ed anche strumenti di debug; quindi gli sviluppatori potranno creare app perfettamente funzionanti in poco tempo. Gli Universal 2 application binaries consentono agli sviluppatori di creare un’unica app capace di beneficiare delle prestazioni native dei nuovi Mac con processore Apple, mantenendo la compatibilità con i Mac su Intel. Grazie alla tecnologia Rosetta 2 gli utenti potranno eseguire le app per Mac che non sono state ancora aggiornate per la nuova architettura.

WatchOS 7 e TvOS 14

Funzione anti covid19 per l’Apple Watch che rileva automaticamente quando l’utente si lava le mani ed avvia un conto alla rovescia di 20 secondi; inoltre monitora il sonno consentendo anche una routine pre-sonno.

I fruitori di Apple TV adesso hanno accesso a videocamere e accessori compatibili con HomeKit Siri; dunque possono ricevere sul TV le notifiche del videocitofono, con feed live che mostrano chi è alla porta. Inoltre grazie alle capacità multiutente tutti potranno riprendere i loro videogame preferiti dal punto dell’interruzione.

Apple investirà in chip fatti in casa: quotazione titolo sul NASDAQ

L’andamento del titolo azionario all’interno del listino NASDAQ mostra una progressione che non lascia dubbi sull’apprezzamento degli investitori per le novità in cantiere; infatti le quotazioni, in solo un mese, hanno evidenziato una crescita superiore al 10%.

Dando uno sguardo da vicino si notano, tra le altre, le quotazioni seguenti:

  • solo venerdì 19 giugno 2020 le azioni del titolo valevano 349,72 dollari per azione;
  • poi ,al termine della giornata di giovedì 2 luglio, la quotazione del titolo ha raggiunto i 364,11 dollari per azione;
  • mentre mercoledì 15 luglio Apple ha registrato il massimo di periodo a 390,90 dollari per azione;
  • infine, lo scorso venerdì 17 luglio la quotazione è scesa a 385,31 USD per azione.

 

 

DI SANTE Paolo

 

Leggi articoli di economia

Torna all’Homepage

Autore dell'articolo: Paolo Di Sante

Ogni giorno genitori danno tutto per la famiglia, lavoratori si sacrificano per lo stipendio, disoccupati cercano lavoro, imprenditori e professionisti cercano di mandare avanti l'attività. E poi c'è l'Italia, un paese intasato di burocrazia e norme che sembrano remare contro chi si alza la mattina per affrontare la giornata. Tutto ciò ha mosso in me la voglia di pubblicare studi, ricerche ed appunti che sono frutto di oltre un ventennio di lavoro: adempimenti fiscali, civilistici ed amministrativi; servizi alle aziende ed alle persone in campo amministrativo e finanziario. Credo che la diffusione delle informazioni porti equità sociale. Il mio motto preferito: "l'unione fà la forza".