Boris Johnson dimesso

Boris Johnson dimesso. Le condizioni del premier

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Boris Johnson dimesso dall’ospedale dove era ricoverato a causa della sua positività al Coronavirus. Infatti, il premier si trovava in ospedale dopo una decina di giorni che i sintomi del Covid-19 si facevano sempre più insistenti. La comunicazione arriva da Downing Street.  Un portavoce di Downing Street ha affermato: “Su consiglio del suo team medico , il primo ministro non tornerà immediatamente al lavoro” ma “continuerà la sua convalescenza a Chequers”, la residenza di campagna riservata ai capi di governo britannici. Johnson, ha poi aggiunto  il portavoce, “desidera ringraziare tutti a Saint Thomas per le eccellenti cure che ha ricevuto”.

Intanto, il virus anche in Gran Bretagna continua la sua folle corsa. Sono 9.594 le vittime: nelle ultime 24 ore, sono morte 657 persone. Il dato non include però i decessi in Scozia, Galles e Irlanda del Nord. Non resta che attendere il bollettino odierno per capire come si sta evolvendo la situazione in tutto il mondo.

 

Boris Johnson dimesso, il messaggio del premier

Boris Johnson dimesso dall’ospedale aveva già ringraziato lo staff medico che gli ha salvato la vita. Questo il testo del suo messaggio di ringraziamento allo staff sanitario del St. Thomas Hospital di Londra, citato dal Guardian: “Non posso ringraziarli abbastanza. Devo loro la mia vita”. Ricordiamo infatti, che il premier era risultato positivo al tampone lo scorso 26 marzo, e dopo alcuni giorni è stato ricoverato in ospedale in terapia intensiva tra il 6 e il 9 aprile. Anche la sua fidanzata Carrie Symonds, ha voluto ringraziare, tramite i suoi social, tutti coloro che si sono impegnati per salvare la vita al suo compagno. “Ci sono stati dei momenti veramente molto bui la scorsa settimana. Il mio cuore è con tutti quelli in situazioni simili, terribilmente preoccupati per i loro cari. Ringrazio anche ognuno di voi che avete mandato messaggi di solidarietà. Oggi mi sento incredibilmente fortunata”.

Autore dell'articolo: Annamaria Sabiu