Le condizioni di Boris Johnson

Le condizioni di Boris Johnson, premier inglese

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Le condizioni di Boris Johnson, premier britannico, “continuano a migliorare”. Lo riferisce Downing Street. Il premier si trova ricoverato in ospedale ormai da lunedì scorso. Lo stesso, riscontrato positivo al Covid, è stato poi trasferito in terapia intensiva. Al momento, non è attaccato al ventilatore. Sulle condizioni di Boris Johnson, si è espresso anche il cancelliere Rishi Sunak che ha sottolineato come ora Jonhson riesca a sedersi sul letto. Il ministro delle Finanze ha affermato anche che il premier riesce ora ad interagire col personale medico. Stando a quanto comunicato invece da Tobias Ellwood, ex ministro della Difesa, Boris Johnson sarebbe “mentalmente in grado di prendere decisioni”.

Nonostante abbia passato una notte in maniera positiva, il premier resta comunque per ora in terapia intensiva al St Thomas’ Hospital di Londra. Ricordiamo che il politico presentava i sintomi del Covid-19 già da una decina di giorni, da qui l’aggravarsi delle condizioni di salute e la decisione di ricoverarlo in ospedale.

Le condizioni di Boris Johnson, e l’attacco alla sua politica

Il premier inglese si trova ormai per il quinto giorno consecutivo ricoverato in ospedale. Le sue condizioni come riportato dal suo portavoce, sono in miglioramento. In questa fase di ricovero, la politica inglese comunque non si ferma e c’è chi continua ad attaccare la politica del premier. Durante Newsnight, la giornalista di punta della Bbc Emily Maitlis, ha attaccato il governo inglese guidato appunto da Boris Johnson. Queste le sue affermazioni: “Non è vero che il Coronavirus colpisce tutti, ricchi e poveri, come invece vogliono farci credere i colleghi del Primo ministro. Ad ammalarsi sono soprattutto operatori sanitari, commessi e dipendenti del trasporto pubblico”.

Ha poi sottolineato: “Chi è in prima linea in questo momento sono i lavoratori forse meno retribuiti del Paese ed hanno anche maggiori possibilità di contrarre la malattia perché sono i più esposti. Pensate a tutti coloro che svolgono lavori manuali: per loro è praticamente impossibile lavorare da casa”.

Fonte foto: https://it.wikipedia.org/wiki/Boris_Johnson

 

Autore dell'articolo: Annamaria Sabiu