"Il governo sta bene", lo garantisce Brunetta

Brunetta: “Serve una governance del cambiamento”

Condividi su:

 

ROMA – Viviamo in un’epoca di profonde trasformazioni, caratterizzata da grandi cambiamenti digitali, energetici e demografici. Il presidente del Cnel, Renato Brunetta, sottolinea l’importanza di una governance del cambiamento che coinvolga non solo la politica, ma anche la società civile e i corpi intermedi. In questo contesto, emerge un ruolo rinnovato per la società civile e le sue organizzazioni durante la pandemia, evidenziando la necessità di un coinvolgimento attivo nella gestione delle sfide attuali.

Il mondo attuale è in costante evoluzione, attraverso transizioni digitali, energetiche e demografiche. Queste trasformazioni creano un ambiente caotico che richiede una governance flessibile e collaborativa. L’approccio tradizionale basato solo sulla politica è insufficiente, e il presidente Brunetta invita la società civile a giocare un ruolo centrale in questo processo.

Brunetta: “Serve una governance del cambiamento”

Durante la pandemia, la società civile ha dimostrato la sua importanza attraverso reti di corpi intermedi che hanno fornito un contributo straordinario nella lotta contro il Covid-19. Questa esperienza ha evidenziato la capacità della società civile di mobilitarsi, coordinarsi e rispondere alle emergenze, sottolineando il suo ruolo fondamentale nella gestione delle sfide contemporanee. Renato Brunetta sottolinea che il rilancio del Cnel, la casa dei corpi intermedi, è strettamente legato alla riscoperta e riaffermazione della società civile. Il Cnel diventa il luogo in cui i molteplici e legittimi interessi di parte trovano un terreno comune, trasformandosi in un interesse collettivo basato sulla responsabilità e virtù civiche.

Questo dimostra la necessità di coinvolgere la società civile e i corpi intermedi nella definizione delle politiche e nelle decisioni che plasmeranno il futuro. Il concetto di governance del cambiamento implica un approccio collaborativo, in cui la politica, la società civile e i corpi intermedi lavorano insieme per affrontare le sfide in evoluzione. La partecipazione attiva della società civile non solo arricchisce il dibattito pubblico, ma contribuisce anche a garantire una rappresentanza più completa degli interessi della comunità.

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24