Cagliari

Cagliari: città virtuosa per la raccolta alluminio

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Cagliari e la raccolta dell’alluminio

I numeri sono molto confortanti ed importanti,  circa quattrocentocinque tonnellate raccolte dal 2016 a oggi. La città di Cagliari è uno dei centri italiani più virtuosi per ciò che concerne la raccolta differenziata dell’alluminio. Con la quantità che è stata ritirata si potrebbe realizzare, ad esempio un numero pari a 43 carrozze di un treno ad alta velocità, circa 40 mila biciclette, e anche 850mila caffettiere. Un buon risultato, quello ottenuto, anche se si possono raggiungere risultati sempre migliori. Dopo aver raggiunto le città di Cosenza, Salerno, Lecce e Sassari arrivano anche nella città di Cagliari, sino alla data del 28 ottobre, gli Aludays del Consorzio CiAl. Questo servirà per incentivare la sensibilizzazione dei cittadini circa la raccolta differenziata e per la precisione quella dell’alluminio.
Il tour ha fatto tappa nel capoluogo di regione nella giornata di mercoledì.

Le iniziative

In questi giorni gli inviati del Consorzio CiAl stanno pedalando per la città con le biciclette ottenute grazie al riciclo dell’alluminio. Nell’occasione incontreranno i cittadini cagliaritanai per dare loro informazioni utili circa la raccolta dell’alluminio, e l’uso che se ne fa dopo averlo debitamente riciclato.  Sino a domenica nella piazza Garibaldi, uno dei punti nevralgici della città, sarà  presente un grande stand dove tramite l’utilizzo dei giochi e l’intrattenimento, i visitatori potranno saggiare le loro abilità di “buoni ricicloni”.

In un anno secondo le statistiche, ogni cagliaritano separa in media 900 grammi di alluminio. In città gli imballaggi in alluminio vengono differenziati insieme ad un altro materiale come il vetro, e le operazioni sono gestite dalle società denominata De Vizia, che opera anche in altre città sarde. Per quel che riguarda invece la piattaforma di destinazione, nella quale i rifiuti vengono stoccati e l’alluminio separato dal vetro, per essere poi compattato in balle e portato in fonderia, vi è un’altra società denominata  Ecosansperate.
Dal mese di aprile di quest ‘anno il comune ha avviato la raccolta porta a porta, che in questo momento è in grado di coprire il 62% del territorio cittadino. Il prossimo obiettivo dell’amministrazione è raggiungere tutti i cittadini entro la fine dell’anno.

Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24