caso Fausto Brizzi: ci sono i nomi delle prime vitime

Caso Fausto Brizzi: ecco chi sono le vittime che lo accusano

 
RSS
Follow by Email
Twitter
Visit Us
Follow Me

Il caso Fausto Brizzi si fa scottante. Ieri sera, a “Le Iene”, è stato mandato in onda un servizio a cura di Dino Giarrusso. All’interno vi sono interviste a dieci attrici che confermano le avances e gli abusi sessuali subiti dal regista.

Il “sistema Brizzi”

Dai racconti delle ragazze, emerge che il modus operandi di Brizzi era sempre lo stesso. All’inizio dava un appuntamento di lavoro nel suo loft. Poi si iniziava con provino in cui le scene erano sempre o romantiche o passionali. Questa tipologia, però, poteva anche cambiare.

A volte il regista si proponeva come massaggiatore per allentare le tensioni. Dopo aver cercato un primo contatto fisico, senza che le sue vittime provassero nulla di strano. A quel punto Brizzi si spogliava e iniziava a masturbarsi, o prova ad avere un rapporto sessuale.

Caso Fausto Brizzi: ecco le vittime che lo accusano

Tra le dieci vittime che accusano Fausto Brizzi, due hanno scelto di rivelare la propria identità. Si tratta dell’ex Miss Italia, Clarissa Marchese e della modella Alessandra Giulia Bassi. La prima è un volto noto della televisione anche per la sua partecipazione a “Uomini e donne!”. La seconda è una modella di successo, nata a Roma e ha intrapreso l’attuale carriera nel 2012. In carriera ha collaborato con nomi importanti come  Settimio Benedusi, Toni Thorimbert.

Queste due donne, a differenza delle altre otto, hanno scelto di non avere il volto pixellato e la voce modificata durante l’intervista. Si è trattato di un passo importante. Come ha scritto sul suo profilo instagram la Bassi, il suo gesto è stato dettato dalla volontà di far finire “questo schifo. Perché se una vuole fare l’attrice non deve passare per forza dalla prostituzione per ottenere una parte. Perché so benissimo che il regista in questione fa il porco con tante ragazze che fanno parte del modeling. E solo parlandone lo smaschereremo.”

Fonte

 

 

Please follow and like us:
Pin Share
 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *