Chirurghi tornano dalle ferie e salvano un paziente

Il paziente viene ricoverato presso l’ospedale di Treviso, in seguito all’insorgenza di un tumore che si ingrandiva a vista d’occhio. Un tipo di tumore (chiamato adenoma ipofisario) rivelato all’improvviso, che cresceva a una velocità mai vista prima: la massa, infatti, si era estesa a tal punto che è stato necessario chiamare dei chirurghi, al momento assenti per le ferie. La tempestività e il senso del dovere dei due chirurghi – secondo quanto dichiarato da una nota dell’USL 2 – ha permesso di scongiurare danni permanenti al paziente.

Un tumore improvviso dalla crescita vertiginosa

Il 45enne, grazie ad Alessandro Fiorindi della neurochirurgia e Massimo Sonego dell’otorinolaringoiatria, ha potuto lasciare il reparto di terapia intensiva a soli due giorni dall‘intervento, effettuato in piena notte e durato circa 5 ore. A partire dal momento in cui è arrivata la chiamata, Sonego e Fiorindi si sono consultati dando il massimo della loro disponibilità; inoltre, sia l’equipe medica che la sala operatoria erano già pronti per iniziare il complesso intervento chirurgico sull’uomo. Tutto si è svolto nel migliore dei modi, in perfetta sinergia, grazie alla competenza e al senso di responsabilità dei due chirurghi e del personale sanitario.

“Il dott.Fiorindi ed io – ha spiegato Sonego – abitualmente collaboriamo insieme per la terapia chirurgica delle patologie ipofisarie. Questo caso non era tra i più semplici, dunque ci siamo sentiti coinvolti in prima persona, pur essendo certi e consapevoli dell’esperienza e della bravura dei nostri colleghi. Siamo sicuri che moltissimi altri specialisti, anche in campi diversi della chirurgia, avrebbero interrotto senza problemi un weekend estivo o la cena con gli amici per fare il loro dovere”

I due chirurghi, coinvolti dal caso particolare, sono rientrati dalle ferie

Insomma, nonostante le notizie che si avvicendano sui tanti  casi di malasanità, esistono ancora dei medici responsabili che svolgono il proprio mestiere con passione, serietà e grande dedizione. Una qualità, purtroppo, sempre più rara.

Via