Deputati aggrediti (Fonte: ansa.it)

Deputati Pd aggrediti dopo il voto sui vaccini

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Questa mattina la Camera ha approvato il decreto legge sui vaccini, con la votazione finale dopo le precedenti votazioni che si sono tenute nella tarda serata di ieri. Oggi, la Camera ha approvato il testo con 296 si, 92 no e 15 astenuti. Fdi e Si hanno deciso di astenersi dal voto, i 92 contrari sono invece della Lega e del M5s. Una volta conclusa la seduta, alcuni sostenitori dei no vax hanno aggredito tre deputati del Partito Democratico, all’uscita da Montecitorio.

Deputati aggrediti e insultati dagli anti vaccinisti

Un gruppo di persone contrarie alla legge che regola l’obbligatorieta’ di vaccinare i proprio figli hanno circondato tre deputati democratici, aggredendoli e insultandoli pesantemente. I tre parlamentari sono riusciti comunque a entrare a bordo di un’auto, fatta allontanare poi dalla Digos che li ha scortati lontano dalla folla. I deputati sono Salvatore Capone, Elisa Mariano e Ludovico Vico.

L’aggressione e’ stata condannata da Matteo Renzi, segretario del Partito Democratico, il quale via Twitter ha scritto «Tre deputati del Pd sono stati assaliti da manifestanti No-Vaccini. Follia pura. Un abbraccio a Elisa, Ludovico e Salvatore. Noi non ci fermiamo».

Le reazioni del governo all’approvazione del decreto

Il premier Paolo Gentiloni si e’ mostrato soddisfatto dell’approvazione del decreto legge, reso necessario dall’aumento di malattie debellate da tempo e che sono ricomparse e hanno ripreso anche a uccidere. «Il varo definitivo della legge aumenterà il livello di protezione sanitaria delle famiglie italiane» ha spiegato, subito dopo la votazione.

Contenta anche la ministra della Salute Beatrice Lorenzin: «Sono molto soddisfatta, abbiamo messo in sicurezza questa e le prossime generazioni contro una serie di malattie infettive molto gravi. Oggi abbiamo dato uno scudo protettivo per i nostri figli rispetto a malattie molto gravi che ancora sono tra noi».

Fonte: ansa.it

Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24