Effetti Covid19 produzione industriale 1 bimestre 2020 Forze Armate e Coronavirus

Effetti Covid19 produzione industriale 1 bimestre 2020

 

Effetto Covid19:  stima sulla produzione industriale 1 bimestre 2020

La diffusione nel corso del 1 bimestre 2020 del virus Covid19 ha prodotto effetti negativi sull’economia italiana, produzione industriale non esclusa; dunque, analizziamo la stima e le prospettive.

[adrotate banner=”37″]

Primo bimestre 2020 della produzione industriale all’insegna dell’incertezza; perché da un lato, a gennaio si è registrato un incremento dell’1,9%, come conseguenza della ricostituzione delle scorte e del rimbalzo dai valori precedenti; mentre dall’altro lato si è registrato un calo dello 0,5% a febbraio, mese che ha visto diffondersi il Covid19, in Italia.

Effetti Covid19 produzione industriale 1 bimestre 2020: quarantena e rischio recessione

Le prime misure messe in campo ovunque si sia diffuso il Covid19 riguardano la separazione della popolazione e, quindi, la quarantena. La conseguenza di una prevenzione spinta ai massimi livelli ha portato interruzioni nelle catene globali del valore, a partire dalla Cina. Naturalmente l’entrata del Covid19 in Italia nel mese di febbraio ha portato effetti tutto sommato minimi nella produzione industriale relativamente al 1 bimestre 2020; ma i segnali che arrivano per il mese di marzo preannunciano un andamento maggiormente appesantito. Inoltre la situazione economica italiana era già estremamente debole, al limite della recessione; quindi gli effetti depressivi del Covid19 sulla produzione industriale nel 1 bimestre, ed ancora di più nel primo trimestre, spingono l’Italia verso una fase recessiva.

Numeri degli effetti Covid19 sulla produzione industriale nel 1 bimestre 2020

Dando uno sguardo ai dati pubblicati CSC si nota una diminuzione della produzione industriale dello 0,5% in febbraio su gennaio; mentre è aumentata dell’1,9% a gennaio su dicembre 2019. Invece nel primo trimestre 2020 la variazione acquisita è di -0,2% congiunturale (da -1,4% nel quarto 2019). La produzione, al netto del diverso numero di giornate lavorative, arretra in febbraio del 3,7% rispetto allo stesso mese del 2019; in gennaio è diminuita del 2,6% sui dodici mesi. Gli ordini in volume scendono dello 0,6% in febbraio su gennaio (-1,4% su febbraio 2019), quando sono aumentati dello 0,2% su dicembre (-0,6% annuo). Il primo bimestre 2020 registra una variazione acquisita della produzione di -0,2% rispetto al quarto 2019. Il fattore che ha iniziato ad incidere prima è quello del turismo.

Covid19 e PIL

Il sentiment sul PIL è negativo, quindi ci si attende un calo già dal trimestre. L’indagine condotta presso le imprese associate a Confindustria conferma questo scenario, con un peggioramento della domanda che si farà sentire anche nel corso dei prossimi mesi. Nel caso il Governo non riuscisse ad adottare misure efficaci e tempestive c’è il rischio concreto che la recessioni diventi prolungata.

 

DI SANTE Paolo

 

Home page

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Paolo Di Sante

Ogni giorno genitori danno tutto per la famiglia, lavoratori si sacrificano per lo stipendio, disoccupati cercano lavoro, imprenditori e professionisti cercano di mandare avanti l'attività. E poi c'è l'Italia, un paese intasato di burocrazia e norme che sembrano remare contro chi si alza la mattina per affrontare la giornata. Tutto ciò ha mosso in me la voglia di pubblicare studi, ricerche ed appunti che sono frutto di oltre un ventennio di lavoro: adempimenti fiscali, civilistici ed amministrativi; servizi alle aziende ed alle persone in campo amministrativo e finanziario. Credo che la diffusione delle informazioni porti equità sociale. Il mio motto preferito: "l'unione fà la forza".