Elon Musk compra Twitter: ecco le alternative al social azzurro se vuoi cambiare social network

Elon Musk: licenziato metà del personale di Twitter e stop allo smart working

 

Elon Musk prevede di eliminare metà dei posti di lavoro su Twitter e di richiedere ai dipendenti remoti di presentarsi in un ufficio, ha riferito Bloomberg. “Elon Musk prevede di eliminare circa 3.700 posti di lavoro su Twitter, ovvero la metà della forza lavoro della società di social media” e “intende invertire la politica aziendale del lavoro da qualsiasi luogo esistente, chiedendo ai dipendenti rimanenti di presentarsi agli uffici, sebbene alcune eccezioni potrebbero essere fatte“, si legge nel rapporto. Bloomberg ha citato fonti abbastanza vicine all’azienda. Secondo quanto riferito, Musk mirerà a informare il personale interessato dei licenziamenti venerdì.

Dopo un precedente rapporto secondo cui Musk aveva detto agli investitori che intendeva tagliare il 75% della forza lavoro di Twitter, Musk avrebbe detto al personale che non avrebbe eliminato il 75% dei posti di lavoro. Ma era ancora chiaro che ci sarebbe stata una quantità significativa di licenziamenti. Secondo quanto riferito, Twitter ha circa 1.500 dipendenti che lavorano da remoto a tempo pieno. La direttiva sul lavoro da casa segnalata da Musk sarebbe simile agli ordini che ha emesso a Tesla e SpaceX all’inizio di quest’anno. Musk ha detto ai dipendenti delle sue società di auto elettriche e spaziali che devono essere in ufficio almeno 40 ore a settimana o lasciare l’azienda.

Elon Musk e Twitter: trasferimenti in arrivo per i dipendenti?

A giugno, Musk ha tenuto un municipio virtuale con lo staff di Twitter dove, secondo quanto riferito, avrebbe lasciato che dipendenti “eccezionali” lavorassero a casa se avesse completato la sua acquisizione del social network allora in sospeso. “Se qualcuno può lavorare solo da remoto e sono eccezionali, non avrebbe senso licenziarli“, ha detto. Secondo quanto riferito, Musk ha sottolineato durante l’incontro che il lavoro su Twitter è diverso dal lavoro su Tesla, dicendo: “Tesla produce automobili e non puoi fare automobili da remoto“.

Axios ha anche riportato le notizie sul lavoro da casa, scrivendo che Twitter “prevede di richiedere al personale rimanente di tornare negli uffici fisici a tempo pieno”. Fonti interne all’azienda affermano che molti dipendenti non possono o non saranno disposti a trasferirsi, con conseguente ulteriore logoramento oltre i licenziamenti. Secondo il rapporto Axios, i dipendenti che sono stati assunti per lavorare da remoto durante la pandemia dovrebbero decidere rapidamente se rimanere e potrebbero avere “solo 60 giorni” per trasferirsi in un’area vicino a un ufficio di Twitter.

Prima di Musk, la leadership di Twitter incoraggiava i dipendenti a lavorare ovunque si sentissero a loro agio nel farlo. Il CEO di Twitter Parag Agrawal ha detto ai dipendenti a marzo che mentre tutti gli uffici dell’azienda stavano riaprendo, “le decisioni su dove lavori, se ti senti al sicuro viaggiando per affari e a quali eventi partecipi, dovrebbero essere tue. Quando riapriamo, il nostro approccio rimane lo stesso. Ovunque ti senti più produttivo e creativo è dove lavorerai, e questo include lavorare da casa a tempo pieno per sempre“.

Secondo il rapporto Bloomberg, al personale senior dei team di prodotto di Twitter “è stato chiesto di mirare a una riduzione del 50% dell’organico. Gli elenchi di licenziamento sono stati redatti e classificati in base ai contributi delle persone al codice di Twitter durante il loro periodo in azienda“. Secondo quanto riferito, Musk ha portato “ingegneri e personale a livello di direttore da Tesla” per aiutare a valutare le liste di licenziamento.

Musk ha immediatamente licenziato Agrawal e molti altri dirigenti di alto rango dopo aver completato l’acquisto di Twitter una settimana fa. Dopodiché, “alcuni dipendenti con posti di lavoro di direttore e vicepresidente sono stati tagliati“, ha scritto Bloomberg. Inoltre, “dopo che i piani per i licenziamenti sono stati smistati, il Chief Accounting Officer di Twitter Robert Kaiden ha lasciato l’azienda, diventando uno degli ultimi dirigenti pre-Musk ad andarsene“, si legge nel report.

Via: Bloomberg

 

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Francesco Menna

Mi chiamo Francesco, classe 96. Laureato in Ingegneria Meccanica e studente alla magistrale di Ingegneria Meccanica per l'Energia e l'Ambiente alla Federico II di Napoli. Passione sfrenata per tutto ciò che ha un motore e va veloce. Per info e collaborazioni inviare una mail a framenna96@gmail.com