Fabio Aru firma con la Qhubeka

Fabio Aru firma con la Qhubeka Assos. Le prime parole del corridore

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Fabio Aru firma con la Qhubeka Assos. Dopo diverse settimane di indiscrezioni e retroscena, finalmente è arrivata l’ufficialità. Il Cavaliere dei Quattro Mori è il decimo innesto della squadra che è rimasta nel WorldTour. Aru troverà nella sua squadra anche gli italiani Giacomo Nizzolo e Domenico Pozzovivo. Queste le prime parole del corridore: “Sono assolutamente entusiasta di entrare a far parte di questa squadra il prossimo anno e riconoscente a Douglas Ryder che mi ha accolto. Quando è emersa la possibilità di firmare, e dopo aver parlato con lui e altri componenti del team, ho subito sentito che questo era un ambiente del quale volevo far parte. Ho osservato attentamente il lavoro della fondazione e quello che fanno è incredibile. Alcuni dei miei colleghi mi hanno detto della forza e dell’impatto che la cerimonia della distribuzione delle bici ha avuto su di loro. Questo mi ha fatto pensare all’impatto che la bici ha avuto sulla mia vita e il potere che può avere in generale sugli altri. Non vedo l’ora di avere anche io questa opportunità in futuro”.

 

Fabio Aru firma con la Qhubeka Assos

Nuova avventura per il Cavaliere dei Quattro Mori, Fabio Aru che firma con la Qhubeka Assos. Il corridore ora è pronto a ripartire per riscattare il buio delle ultime annate. Al riguardo ha sottolineato: “Negli ultimi anni non ho avuto il successo che speravo, quindi voglio sfruttare questo nuovo passo nella mia carriera per ritrovare alcune di quelle piccole cose che mi hanno permesso di raggiungere quei risultati, perché so di essere ancora capace di ottenere successi di quel tipo. A questo punto della mia carriera, il Team Qhubeka Assos è il posto perfetto per me per riuscirci. Sono davvero grato per l’opportunità che mi stanno dando di contribuire al loro retaggio e di poter costruire”.

Autore dell'articolo: Annamaria Sabiu