Stagione finita per Fabio Aru

Stagione finita per Fabio Aru? L’indiscrezione sul divorzio col team

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Stagione finita per Fabio Aru. Nelle ultime ore è arrivato il colpo di scena, dopo la vociferata sua presenza alla Vuelta di Spagna in programma il prossimo 20 ottobre. Stando infatti a delle fonti interne al Team, tra il corridore e la squadra UAE Emirates è tempo di divorzio. Per il Cavaliere dei quattro Mori questo 2020 caratterizzato da un’emergenza sanitaria ancora in corso, termina così col ritiro alla scorsa edizione del Tour de France.

Questo il messaggio apparso su Twitter nel profilo di Ciro Scognamiglio: “Fonti della UAE Team Emirates confermano a La Gazzetta dello Sport che la stagione 2020 per Fabio Aru è finita. Il suo contratto scade quest’anno e deve cercare un’altra squadra per il futuro”.

Stagione finita per Fabio Aru?

L’interrogativo che circola di più in queste ore è se la stagione di Fabio Aru col team UAE Emirates sia davvero finita qui. Il corridore avrebbe dovuto riprendere la stagione partecipando alla Vuelta di Spagna, ma il colpo di scena arriva da una delle penne della Gazzetta dello Sport. Il divorzio tra Aru e il team UAE Emirates sarebbe ad un passo. Infatti, la squadra pare sia in procinto di non rinnovargli il contratto. Se così dovesse accadere sarebbe un altro duro colpo nella carriera del corridore sardo. Infatti, lo stesso sta cercando di riscattarsi con le unghie e con i denti da due stagioni tanto deludenti. Sembravano lontani gli anni bui, ma nel corso del Tour de France son riemersi dei problemi che hanno portato lo stesso corridore al ritiro durante la nona tappa.

Nelle prossime ore scopriremo se l’indiscrezione diventerà ufficiale e quale sarà il futuro del corridore di Fabio Aru. Certo è, che in caso di eventuale divorzio, il corridore dovrà cercarsi una nuova squadra per ricostruire i suoi obiettivi per la stagione 2021. Come andrà a finire?

Autore dell'articolo: Annamaria Sabiu

Avatar