Scheletro di Neanderthal

Scheletro di Neanderthal, nuove ricerche sull’Uomo di Altamura

 

Scheletro di Neanderthal, nuove ricerche sull’Uomo di Altamura. La scienza torna a puntare i riflettori sul complesso di ossa più antiche mai scoperte

Risale infatti a 150mila anni fa il ritrovamento dello scheletro di Neanderthal che, nel corso degli anni, ha visto evolversi le ricerche e gli studi.

Oggi ancora un passo avanti da parte degli atenei di Firenze, Pisa e Roma Sapienza; la difficile raggiungibilità del reperto nella grotta di Lamalunga ha però richiesto l’uso di sonde videoscopiche e di un apparecchio a raggi X portatile.

Rinvenuto dunque nel 1993 in Puglia, nelle profondità della grotta carsica di Lamalunga in Alta Murgia, è tuttora imprigionato nella roccia a diversi metri di profondità; coperto di incrostazioni calcaree che ne rendono difficile l’osservazione.

L’eccezionale reperto, testimonianza di un uomo preistorico precipitato in un pozzo naturale dove morì di stenti, è di fondamentale importanza per i ricercatori.

È stato altresì oggetto di un progetto di ricerca finanziato dal Ministero dell’Università e della Ricerca (MIUR); nonché autorizzato dalla competente Soprintendenza Archeologica.

Progetto che ha quindi permesso una serie di indagini scientifiche condotte negli ultimi anni (2017-2020), i cui risultati iniziano ora a essere pubblicati su riviste internazionali.

Lo studio pubblicato su PLOS ONE si è occupato dei denti del Neanderthal di Altamura e del suo “apparato di masticazione” (mascella e mandibola)

Responsabili degli studi dunque delle unità operative sono:

  • Jacopo Moggi Cecchi, antropologo dell’ateneo fiorentino,
  • Damiano Marchi (Università di Pisa),
  • Giorgio Manzi (Sapienza Università di Roma), che è anche il coordinatore del progetto complessivo del MIUR.

In merito spiega inoltra Jacopo Moggi Cecchi:

Grazie all’ausilio di sonde videoscopiche ad alta risoluzione siamo riusciti a osservare le caratteristiche della dentatura e delle ossa mascellari; ottenendo così nuove informazioni sull’età e lo stato di salute e confermando la presenza di caratteri tipici dei Neanderthal.

La presenza del terzo molare (il “dente del giudizio”) e il grado di usura masticatoria indicano un individuo adulto, piuttosto avanti negli anni, ma non anziano.

Giorgio Manzi a sua volta aggiunge:

L’uomo doveva aver avuto qualche problema di salute; è stata infatti osservata la perdita di due denti prima della morte: uno lo aveva perso da diversi anni, l’altro in tempi successivi.

È una delle rare volte nelle quali si osservano queste circostanze in un Neanderthal, visto che nella preistoria antica l’incidenza di problemi dentari era molto bassa.

 

Articoli simili: Artrosi e radiofrequenze

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Francesca DI Giuseppe

Francesca Di Giuseppe, nata a Pescara il 27 ottobre 1979, giornalista e titolare del blog Postcalcium.it. Il mio diario online dove racconto e parlo a mio della mia passione primaria: il calcio Laureata in Scienze Politiche presso l’Università degli Studi di Teramo con una tesi dedicata al calcio femminile. Parlare di calcio è il mezzo che ho per assecondare un’altra passione: la scrittura che mi porta ad avere collaborazioni con diverse testate giornalistiche regionali e nazionali.