Simon Yates

Filippo Ganna racconta le emozioni post cronometro

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Filippo Ganna racconta le emozioni post cronometro del Giro d’Italia conclusosi oggi a Milano che ha visto il trionfo del colombiano Egan Bernal, suo compagno di squadra. Il velocista azzurro ha vinto infatti la cronometro di 30,3 km da Senago a Milano. Nemmeno una foratura che gli ha fatto perdere almeno una trentina di secondi ha potuto fermare il cronoman della Ineos Grenadiers, Quest’ultimo ha battuto tutti tagliando il traguardo con il tempo di 33′ 48″. E adesso per il corridore si attendono nuovi obiettivi da raggiungere come il sogno olimpico a Tokyo fra poco più di un mese.

Filippo Ganna ringrazia Bermal

Filippo Ganna è emozionato dopo il trionfo nella cronometro conclusiva del Giro d’Italia che ha messo ancora in evidenza il suo grande talento. Queste le dichiarazioni al termine della corsa: “Questo è il mio quinto successo in una prova a cronometro al Giro, un risultato incredibile. Oggi ho battuto anche la sfortuna, con la foratura che nel finale mi ha costretto a cambiare la bici. Abbiamo portato a casa un bellissimo risultato con Egan Bernal che ha fatto qualcosa di stupendo. Tutta la squadra ha lavorato tanto per tenere Egan sempre davanti e fuori dai pericoli. Questa Maglia Rosa è un successo di tutto il team: grazie a Egan per averlo finalizzato al meglio”.

Per il corridore azzurro è ora tempo di pensare al futuro. C’è infatti un’Olimpiade che lo aspetta a Tokyo dove potrebbe fare molto bene e ambire dunque alla conquista della medaglia d’oro. Sulla preparazione chiosa: “Ma anche se non ci fossero gare ci arrangeremo. Decideremo i giorni e le ore in cui trasformare gli allenamenti in gare e daremo tutto come in una finale olimpica”. Non resta quindi che attendere ancora un mesetto prima di vedere il corridore all’opera a Tokyo e sperare che il tricolore possa sventolare ancora dal gradino più alto del podio.

Autore dell'articolo: Chiarella Serra