Hellas Verona, il presidente Setti: “Nessuna condanna di risarcimento danni”

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

VERONA – Il presidente dell’Hellas Verona, Maurizio Setti, “non è direttamente coinvolto in nessuna causa e non è stata pronunciata contro di lui alcuna condanna a risarcire danni”.

È quanto precisano, in una nota, i suoi legali Antonella Benedetti e Paolo Pasetto rispondendo alle notizie pubblicate da alcuni organi di informazione.

Qui di seguito la dichiarazione rilasciata da Setti tramite comunicato stampa:

«Mi vedo costretto a ribadire, ancora una volta, come l’Hellas Verona FC non sia coinvolto in nessuna controversia e non abbia alcuna posizione debitoria verso Gabriele Volpi o società a lui riconducibili. È importante sottolineare, inoltre, come non esista ad oggi alcuna sentenza di condanna del Tribunale di Genova in merito ai fatti citati: la causa, infatti, è ancora in corso e comunque non riguarda l’Hellas Verona. Appare quindi chiaro che ci troviamo di fronte ad articoli costruiti ad arte e contenenti informazioni false e approssimative, per i quali gli autori risponderanno di fronte alle autorità competenti. Articoli che, come è abitudine in questi anni, vengono puntualmente pubblicati in momenti particolarmente delicati e importanti per l’Hellas Verona, con l’intento evidente di destabilizzare ulteriormente l’ambiente».

[adrotate banner=”24″]

Hellas Verona, Setti: “Nessuna condanna di risarcimento danni”

Gli avvocati Benedetti e Pasetto precisano inoltre che “il Tribunale di Genova non ha emesso alcuna sentenza” perché la causa “è stata sospesa dal Giudice in attesa della decisione della Corte di cassazione, che dovrà dire se il Tribunale di Genova è competente a deciderla”. E Maurizio Setti conclude dicendo:

«Le vicende riportate dagli organi di stampa, delle quali si stanno occupando i miei legali, non riguardano l’Hellas Verona FC che, come ho già ribadito più e più volte, è una società sana, che dà lavoro a centinaia di famiglie».

Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24