PD unito per difendere Mattarella

Il PD si ricompatta e scende in piazza per difendere Mattarella

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Il PD si schiera con il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella e sceglie di scendere nelle piazze l’1 giugno, unito e compatto, per difendere le istituzioni democratiche e la Costituzione.

Renzi e la rivincita del PD

L’ex segretario PD Matteo Renzi, con toni da campagna elettorale, prevede che torneremo presto alle urne a causa, a detta sua, della manifesta incapacità di governare dimostrata da Lega e Cinque Stelle, partiti che ottennero la maggioranza dei voti alle ultime elezioni.

Renzi non nasconde che questa per il PD è un’impedibile occasione per rimettersi in campo e avere la sua rivincita. E, a tal fine, non si escludono alleanze con altri partiti per salvare l’Italia da facili populismi che rappresenterebbero la rovina del Paese.

Si prospetta una battaglia dura come mai prima d’ora tra antieuropeisti ed europeisti convinti; tra chi vuole uscire dall’Europa e dall’euro e chi vuole, invece, un’Italia forte ma dentro l’UE.

Una battaglia che, dopo il veto di Mattarella a Savona e la conseguente fine del governo nascente Laga-M5S, sembra giocarsi sul terreno della sovranità nazionale: da un lato chi rivendica un modello westfaliano che vede ogni popolo pienamente sovrano sul suo territorio e dall’altro lato i fautori di una visione più cosmopolita e disposti a cedere parte della sovranità popolare all’Unione Europea in cambio di altre forme di tutela.

Sostegno del PD a Cottarelli

Il PD, dunque, appoggia in toto il Colle e si dice pronto a sostenere le iniziative di Mattarella. Dunque pieno sostegno al governo Cottarelli anche se, tuttavia, c’è scissione interna in merito al voto alla fiducia.

No ai litigi, è l’appello di Renzi, ma il PD resta lacerato dalle difficili settimane vissute dopo i pessimi risultati del 4 marzo.

Il clima di tensione ancora vigente si riscontra dai  velenosi commenti già partiti proprio attorno al ruolo dell’ex-segretario e sopratutto su chi farà le liste del PD visto che un segretario eletto non c’è e l’ultima assemblea ha congelato la reggenza di Maurizio Martina (che oggi ha riunito i big dem al Nazareno per fare il punto della situazione).

Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24