Siren Festival dal 26 al 29 luglio a Vasto ecco la lista degli artisti

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Torna a Vasto dal 26 al 29 luglio 2018 il Siren Festival. Una cornice unica, una città storica affacciata sul mare che grazie alla sua invidiabile posizione negli anni si è affermata come uno dei luoghi più affascinanti del centro Italia.

Vasto con le sue spiagge, i caratteristici vicoli del centro, le piazze che si affacciano come terrazze sul mare, i suoi bellissimi giardini, ospiterà la quinta edizione del Siren Festival, oramai uno degli appuntamenti più attesi e amati dell’estate.

Chi c’è stato lo sa bene, il Siren non è una serie di concerti, ma un vero e proprio festival: 4 giorni, 5 palchi, oltre 30 live e djset, degustazioni, arte, divertimento, relax, ottimo cibo e mare!

Quest’anno la lineup prevede (in ordine rigorosamente alfabetico):

2manydjs

Quasi due decenni di carriera, quella dei fratelli Dewaele (Stephen e David), partita da una radio belga con uno show dal titolo “Hang The Dj”.

I due sono conosciuti anche per l’esperienza con i Soulwax condivisa con l’amico Stefaan Van Leuven.

Per tutti gli appassionati di club culture.

Amari

Nati a fine anni novanta, hanno alle spalle otto full lenght e centinaia di concerti in tutta la penisola.

Nonostante il loro ultimo disco sia stato distribuito dalla Universal, non hanno mai perso il loro carattere indipendente.

Soltanto qualche cambio di lineup e di etichetta nel tempo…

Per il resto sono sempre loro, con una musica coinvolgente, calda ed emozionante.

Annabel Allum

The Independent ha detto di lei che ha “un forte talento per il songwriting”.

C’è chi l’ha persino paragonata a Pj Harvey.

Con il singolo “Beat The Birds”, da poco uscito, ha mostrato tutto il suo estro e la sua originalità.

Bud Spencer Blues Explosion

Nati nel 2007 a Roma, pubblicarono nel 2009 l’album omonimo con cui si fecero notare grazie alla cover di “Hey Boy, Hey Girl” dei Chemical Brothers (stravolta totalmente e dominata da una chitarra energica e da un drumming impetuoso).

Hanno da poco dato alle stampe “Vivi Muori Blues Ripeti” su etichetta La Tempesta.

 

Colapesce

Colapesce, al secolo Lorenzo Urciullo, è fra gli ospiti più attesi del Siren.

Presenterà il suo ultimo lavoro, “Infedele, che include anche i singoli “Ti Attraverso”, “Totale” e “Sospesi”.

Il disco è stato prodotto da Mario Conte e Jacopo Incani (meglio noto come Iosonouncane) e pubblicato da 42 Records / Believe.

Un album che, nonostante duri appena mezz’ora, lascia estasiato l’ascoltatore.

Una curiosità: il testo di “Totale” è stato scritto in tandem con l’amico e collega Antonio Dimartino ed era in principio stato pensato per Luca Carboni.

Sul palco con Urciullo ci saranno: Adele Nigro degli Any Other alla chitarra, sax tenore, Andrea Gobbi al basso e ai cori, Giannicola Maccarinelli (JoyCut) alla batteria, il già citato Mario Conte alle tastiere, programming e cori e Gaetano Santoro al sax baritono.

 

Cosmo

Tempo fa era considerato l’astro nascente della musica italiana.

Oggi è una solida realtà.

Lo scorso gennaio ha pubblicato Cosmotronic, un doppio album ambizioso che gioca sulle sue due anime artistiche: la canzone d’autore e la musica da club, finalmente fusi in uno stile unico e originale.

E’ già passato per il Siren Festival ed è certamente un gradito ritorno.

 

dEUS

Band belga che sfondò in Italia con l’album “The Ideal Crash”.

Nel 2014 ha pubblicato il greatest hits “Selected Songs 1994-2014”.

Il loro Indie Rock è contaminato da Punk, Jazz e Blues.

Un sound davvero originale!

E dal vivo lo spettacolo è unico.

 

Germanò

Dopo due esperienze dapprima con i Jacqueries e poi con gli Alpinismo (con i quali pubblica pubblica un ep per 42 Records) ha dato alle stampe “Per Cercare Il Ritmo” per Bomba Dischi.

L’album è stato anticipato da tre singoli e mezzo, la versione piano e voce di “Dario”, “L’automobile che corre” e “Grace e “San Cosimato”.

 

Ivreatronic

E’ il collettivo di cui fa parte anche Cosmo divenuto di recente anche un’etichetta discografica.

E’ stata appena pubblicata la prima compilation dal titolo “Ivreatronic – Il suono di Ivrea”.

Lali Puna

Tra i principali esponenti dell’indietronica tedesca, hanno alle loro spalle ben cinque album: “Tridecoder” (1999), “Scary World Theory” (2001), “Faking the Books” (2010), “Our Inventions” (2010) e “Two Windows” (2017).

Un liveimperdibile.

 

Mesa

Romana, dopo un ottimo esordio (autoprodotto!) pubblica a febbraio / marzo 2018 il suo primo album su Bomba Dischi.

 

Myss Keta

E’ da poco uscito il suo singolo “Una Vita in Capslock” a cui è abbinato un videoclip diretto dal collettivo Motel Forlanini.

Da tenere d’occhio…

Come si dice: se il buongiorno si vede dal mattino…

Mouse On Mars

Andi Toma e Jan St. Werner sono freschi di pubblicazione: “Dimensional People” è infatti da qualche giorno uscito in tutto il mondo per la Thrill Jockey.

In esso collaborazioni con Bon Iver, Aaron e Bryce Dessner (The National) e Zach Condon (Beirut).

Neil Halstead

E’ uno dei fondatori degli Slowdive.

Parallelamente a questa esperienza ha pubblicato un album a nome Zurich con membri di Seefeel e Knives ov Resistance ed uno con i Black Hearted Brother.

Da solista invece ha rilasciato tre dischi: “Sleeping on Roads” (2002 su 4AD), “Oh! Mighty Engine” (2008 su Brushfire) e Palindrome Hunches (2012 su Brushfire).

Allmusic lo ha chiamato “uno dei più rispettati compositori britannici”.

 

Public Image Ltd (PiL)

Il gruppo fondato da John Lydon nel 1978 dopo la sua fuori uscita dai Sex Pistols.

Le canzoni “Rise” (scritta da Lydon in coppia col produttore Bill Laswell) e “This Is Not a Love Song” sono ormai considerati veri e propri inni generazionali.

In formazione attualmente ci sono: John Lydon (voce), Lu Edmunds (chitarra), Bruce Smith (batteria) e Scott Firth (basso).

 

 

Rodrigo Amarante

La celeberrima rivista Rolling Stone l’ha inserito non a caso fra i cento migliori musicisti brasiliani.

Ha fondato i Little Joy insieme a Fabrizio Moretti (The Strokes) e Binki Shapiro.

Sta attualmente scrivendo il successore di “Cavalo”, suo unico album solista datato 2014.

 

 

Ryley Walker

Viene da Chicago ed ama mescolare Psichedelia, Folk e Jazz.

Un vero e proprio frullato sonoro che non disdegna le origini del cantautore.

Più che una giovane promessa dell’Indie è ormai una conferma!

Provate ad ascoltare brani quali “A Choir Apart” e “Sullen Mind”.

Per gli amanti di Van Morrison e Roy Harper…

 

Slowdive

Nome di spicco dello Shoegaze mondiale, tornano dopo più di due decenni con un nuovo disco ed un tour che li vedrà esibirsi anche a Vasto.

Durante la fase di limbo un’enorme serie di raccolte, live.

Il miglior ritorno del 2017 senza alcun dubbio!

Spielbergs

Arrivano dalla Norvegia; “We Are All Going To Die” ha messo d’accordo pubblico e critica che li hanno osannati facendo diventare la canzone un inno.

Mads Baklien, Stian Brennskag, Christian Løvhaug sapranno stupirvi col loro Indie Rock contaminato da Punk e tanto altro.

The Rainband

Hanno aperto i concerti di Simple Minds, Ocean Colour Scene e The Kaiser Chiefs; furono nominati “Band dell’anno” dalla rivista Natter; hanno collaborato con con Rowetta Satchell degli Happy Mondays; hanno ricevuto un invito ai British Music Awards come Rising Stars dalla celebre compagnia inglese O2; sono entrati nelle prime dieci posizioni della classifica ufficiale dei singoli Indie britannici.

The Rainband: una band giovane ma dal curriculum davvero grande.

Toy

La psichedelia inglese moderna non è mai stata così viva…

Tuttavia nella loro musica è possibile trovare anche tracce di Krautrock e Post Punk che appaiono evidenti sin dagli esordi (2011).

Uno dei migliori ritorni del 2018.

 

Vanarin

Roberta Sammarelli dei Verdena ne è il manager.

Sono formati da David Paysden (voce, chitarra, tastiere), Marco Sciacqua (chitarra, basso, percussioni, seconde voci), Giuseppe Chiara (voce, chitarra, tastiere), Massimo Mantovani (voce, basso, chitarra) e Marco Brena (batteria, percussioni).

Hanno da poco pubblicato per Woodworm Label “Overnight”.

Anche quest’anno l’artwork del Siren Festival sarà affidato a Gianni Puri (illustratore, architetto e musicista romano).

Abbonamento disponibile 
60 euro + d.p. abbonamento venerdì e sabato
http://www.ticketone.it
http://www.sirenfest.com
https://www.bookingshow.it/?utm_source=Siren+Festival+Newsletter&utm_campaign=4937cdbe8c-EMAIL_CAMPAIGN_2017_FLASH_SALE&utm_medium=email&utm_term=0_0247e777f7-4937cdbe8c-81974

Autore dell'articolo: Marco Vittoria