Le associazioni di Fano a sostegno di Silvia Romano

Le associazioni di Fano a sostegno di Silvia Romano

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

FANO – Le associazioni di Fano a sostegno di Silvia Romano. Ecco cosa si legge in una nota:

“Dopo ben 19 mesi di prigionia, Silvia Romano, la volontaria rapita in Kenya il 20 novembre 2018, torna ad essere libera. Tutto il mondo del volontariato fanese ha gioito per la bellissima notizia che si è diffusa in pochissime ore su tutti i canali di comunicazione sabato pomeriggio. Ognuno di noi si è unito alla gioia che ha travolto la famiglia Romano e tutti i volontari della onlus fanese Africa Milele”.

Una gioia che, però, ha ben presto lasciato spazio all’indignazione per attacchi inaccettabili:

“Purtroppo sono bastate altrettante poche ore per la diffusione, soprattutto sui social, di commenti ignobili verso Silvia. Ne citiamo solo alcuni, tralasciando quelli di irripetibile volgarità: “Abbiamo liberato l’amichetta dei negri”, “Ecco tornata la signorina salvamondo”, “Lo Stato non deve pagare per una scriteriata in cerca di emozioni forti”, “Spero che quei selvaggi le abbiano insegnato le buone maniere”. Di fronte a tali dichiarazioni non possiamo rimanere indifferenti perché le accuse e le illazioni rivolte a Silvia Romano colpiscono tutto il mondo dell’associazionismo e del volontariato, sia esso svolto in Italia che all’estero”.

Le associazioni di Fano a sostegno di Silvia Romano

E ancora:

“In tutti questi mesi Silvia Romano è stata l’immagine del volontariato, il volto in cui si sono riconosciuti migliaia di giovani, e meno giovani, che hanno scelto di impegnarsi nell’associazionismo. Ciò su cui non possiamo tacere è l’attacco al mondo del volontariato e a tutti coloro che per svariate motivazioni scelgono di dedicare parte del proprio tempo per gli altri”.

Poi la conclusione:

“Chi fa volontariato non fa distinzione fra colore della pelle, fra i continenti o fra i differenti credi religiosi. Si tende la mano verso l’altro senza se e senza ma”.

Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24