Boris Johnson dimesso

“L’invasione russa in Ucraina creerebbe una nuova Cecenia”, parola di Johnson

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

LONDRA – “L’invasione russa in Ucraina creerebbe una nuova Cecenia”, parola di Johnson. E’ l’avvertimento lanciato oggi dal primo ministro britannico, Boris Johnson: Un’invasione dell’Ucraina coinvolgerebbe la Russia in un conflitto “violento e sanguinoso” ed equivarrebbe a creare “una nuova Cecenia”, repubblica russa nel Caucaso teatro di interventi da parte dell’esercito russo.

“Dobbiamo trasmettere il messaggio che invadere l’Ucraina, dal punto di vista russo, sarà doloroso, violento e sanguinoso e penso che sia molto importante che la Russia capisca che questa potrebbe essere una nuova Cecenia”, ha affermato il leader conservatore parlando alle televisioni britanniche.

“L’invasione russa in Ucraina creerebbe una nuova Cecenia”, parola di Johnson

Nelle scorse settimane il vice ministro degli Esteri russo Sergei Ryabkov, al termine dei colloqui del vertice Usa-Russia di Ginevra, aveva precisato che “non ci sono piani o intenzioni di attaccare l’Ucraina. Non c’è ragione di avere paura di una escalation”. Da parte statunitense è stata ribadita la richiesta alla Russia di ritirare le truppe ammassate in prossimità del confine ucraino ed è stata manifestata l’intenzione di trovare i “modi per stabilire limiti reciproci alle dimensioni delle esercitazioni militari”.

Poco prima di Natale Vladimir Putin ha detto che la Russia è pronta ad adottare misure tecnico-militari in caso di avvicinamento della Nato ai confini del Paese. Lo riporta la Tass. “In caso di continuazione di una linea chiaramente aggressiva da parte dei colleghi occidentali, noi adotteremo misure tecnico-militari adeguate e reagiremo duramente a passi ostili”, ha detto il presidente russo in una riunione allargata del collegio del ministero della Difesa russo. Putin ha inoltre affermato che “la tensione che si sta verificando in Europa” è colpa dell’Occidente, riporta sempre la Tass. “Quello che sta accadendo ora, quella tensione che si sta verificando in Europa è colpa loro”, ha dichiarato il presidente.

Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24