Pavia, donna strangolata ritrovata in un silos: il figlio confessa

Pavia, donna strangolata ritrovata in un silos: il figlio confessa

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

La donna è stata ritrovata strangolata dopo una ventina di giorni, mentre il marito disabile è stato ferito con un coltello sabato scorso dal figlio 23enne. Quella che sta venendo alla luce è una tragedia familiare dai contorni agghiaccianti, avvenuta alle porte di Giussago (Villanova dè Beretti) in una zona vicino alla celebre certosa di Pavia. I vigili del fuoco hanno ritrovato il corpo della 50enne Rosina Papparella, ormai mummificato. Era nascosto nel silos di una cascina abbandonata, nei pressi dell’abitazione nella quale viveva la famiglia.

[adrotate banner=”6″]

Il cadavere della donna ritrovato in una cascina abbandonata nei pressi di Pavia

Dalle informazioni che ha dato il giovane, in modo piuttosto confuso, si è potuto risalire al luogo in cui era nascosto il corpo della madre. La sua scomparsa, tra l’altro, non era stata nemmeno denunciata perchè ritenuta volontaria. Sabato scorso, però, il figlio ha ferito il padre a coltellate durante una violenta lite. Fermato dai carabinieri è stato portato in ospedale e sottoposto a trattamento sanitario obbligatorio, durante il quale sono emersi sconcertanti particolari. Con frasi confuse il ragazzo (Marco Fiorentino) ha raccontato ai medici di aver fatto scomparire la donna. Da lì sono partite le ricerche nelle campagne circostanti, fino a quando il cadavere non è stato trovato nel silos della cascina abbandonata. Al collo, i segni di strangolamento erano ancora evidenti..

Il 23enne è stato accusato di omicidio

Il ragazzo – sottoposto a fermo giudiziario con l’accusa di omicidio – si trova ora sotto la vigilanza delle forze dell’ordine, nel reparto di psichiatria del San Paolo di Milano. Tra i residenti della zona, la vicenda ha suscitato una grande impressione: “i genitori del 23enne si vedevano molto poco, a causa della disabilità del padre – raccontano i residenti nel paese – ma il giovane conduceva una vita del tutto normale. Un ragazzo attento alle esigenze della famiglia, tranquillo e riservato, alla ricerca di un lavoro.

Via

Autore dell'articolo: Cesare Di Simone

Passione sfrenata per tutto ciò che è tecnologico utente di lungo corso Android e sostenitore di tutto ciò che è open-source e collateralmente amante del mondo Linux. Amante della formula uno e appassionato dell'occulto. Sono appassionato di oroscopo mi piace andare a vedere cosa dicono le stelle quotidianamente.