'Disabili hanno diritto al sesso': M5S lancia la proposta

‘Disabili hanno diritto al sesso’: M5S lancia la proposta

I consiglieri del Movimento 5 stelle lanciano una proposta di legge originale, per la Regione Lombardia. Se approvata si chiamerà “Sperimentazione regionale per l’assistenza sessuale, affettiva ed emotiva per i disabili”. Come si legge nel testo depositato in consiglio regionale, l’obiettivo sarebbe quello di garantire loro una “sana attività sessuale in nome dell’educazione e rispetto”. Nel documento viene spiegato che non si tratta di “procurare degli incontri erotici”, in quanto riduttivo. Si tratta piuttosto di una vera e propria “assistenza alla corporeità, all’affettività e all’emotività, oltre che alla sessualità.

Operatori professionali selezionati per il ‘benessere sessuale dei disabili’

Ad aiutare i disabili in questo percorso, in pratica, dovrebbero essere degli operatori professionali con orientamento eterosessuale, omosessuale o bisessuale dalle caratteristiche psicofisiche “sane”. Formati sia dal punto di vista psicocorporeo che da quello teorico sul tema, gli “operatori del benessere sessuale”, potrebbero aiutare le persone con disabilità psichico/cognitiva e fisico-motoria a vivere finalmente un’esperienza erotica.

Per la formazione si pensa a un corso specializzato di almeno 200 ore, gestito da onlus, e a un apposito registro dove gli operatori potranno iscriversi. I costi saranno a carico dei partecipanti, con contributo della Regione Lombardia ancora da stabilire. Tra i requisiti richiesti, qualifiche professionali socio-assistenziali e sanitari, oltre all’idoneità psicofisica. Dovranno avere inoltre una “condizione economica e sociale che consenta loro di vivere in modo decoroso, anche senza percepire i compensi derivanti da questo tipo di attività”.

Tra i requisiti richiesti qualifiche sanitarie e socio – assistenziali, per la nuova professione

Prevista la sperimentazione triennale, con uno stanziamento di circa 100 mila euro all’anno. La proposta di legge n.357 è stata firmata dai consiglieri Nanni, Violi, Carcano, Macchi, Casalino, Fiasconaro, Corbetta, Maccabiani e Buffagni, e trasmessa al presidente del consiglio regionale Raffaele Cattaneo. Il dibattito sulla proposta, e l’eventuale approvazione, nelle prossime settimane.

Via

 
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di WebMagazine24
   

Autore dell'articolo: Rosa Pullano