Per Speranza era “giusto uscire dall’emergenza, serve ancora prudenza”

Per Speranza era “giusto uscire dall’emergenza ma serve ancora prudenza”

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

ROMA – Per Speranza era “giusto uscire dallo stato di emergenza e affrontare il Covid con strumenti ordinari e non straordinari. Abbiamo gli anticorpi, i monoclonali, i vaccini e l’utilizzo diffuso della mascherina. Dobbiamo avere fiducia, non possiamo affrontare il Covid come due anni fa, sarebbe antistorico. Ma ci vuole ancora gradualità e prudenza. Dobbiamo avere grande cautela e attenzione. Il 94,5% dei vaccinati è una delle percentuali più alte del mondo e di questo dobbiamo essere orgogliosi”.

Il ministro della Salute si è espresso così, a “Mezz’ora in più” su Rai3. E non è finita qui.

Per Speranza era “giusto uscire dall’emergenza ma serve ancora prudenza”

“Il Covid non è scomparso, lo vediamo nei contagi, la situazione non è semplice, non c’è stata una sostituzione, ma una sovrapposizione: al Covid si aggiunge la guerra – osserva Roberto Speranza – È una situazione difficile che richiede un’attenzione maggiore dei governi e degli Stati”. Sull’utilizzo delle mascherine “valuteremo nella terza decade di aprile quali scelte compiere a partire dal primo maggio”.

Quanto ai vaccini “dobbiamo ancora insistere, la prima dose e la terza sono fondamentali. Sulla quarta dose, grazie a un’iniziativa italiana del mio ministero, la Commissione europea la prossima settimana darà un’indicazione condivisa. La quarta dose deve essere fatta sicuramente dagli immunocompromessi e dagli over di fascia adulta fragili – sottolinea Speranza – Chiediamo all’Ema cos’è la cosa migliore da fare oggi sulla base del quadro epidemiologico e procediamo tutti insieme sulla base dell’evidenza scientifica. Nessuno pensa subito a quarta dose per tutti”, chiarisce infine il ministro.

Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24