Pirelli unico pit stop nel GP di Russia

Pirelli prevede un unico pit stop in Russia

Il fornitore di pneumatici di Formula 1, Pirelli, prevede che il Gran Premio di questo fine settimana sia una gara ad un’unica sosta, dato il basso degrado offerto dal circuito di Sochi.

Le gomme utilizzate saranno le ultrasoft (banda fucsia), le supersoft (banda rossa) e le soft (banda gialla).

Capo Pirelli, Mario Isola: ecco le sue parole

Il capo della Pirelli, Mario Isola, ha dichiarato: «La corsa segue un test di due giorni in Bahrain, quindi sarà interessante vedere quali soluzioni porteranno i team per aumentare le prestazioni e diminuire il degrado gomma. Con questo circuito a basso consumo gomme, e con i nuovi pneumatici più durevoli, la corsa dovrebbe svolgersi su un unico pit stop. Tuttavia, questa è la prima volta che portiamo le gomme ultrasoft su questo circuito, quindi è ancora tutto da vedere. Il divario di prestazioni, tra le tre mescole, è relativamente piccolo, quindi tutte possono essere gomme competitive».
In Russia, come dettato da Pirelli, tutte le squadre e i piloti hanno le stesse allocazioni di pneumatici: sette set di ultrasoft, quattro set di supersoft e due set di soft. I team normalmente scelgono 10 dei 13 set di pneumatici disponibili per il fine settimana, ma a Pirelli è stato assegnato il controllo delle gomme per i primi cinque Gran Premi, proprio per il cambio del regolamento. Dal Gran Premio di Monaco, i team e i piloti potranno decidere quanti treni di ogni composto vogliono utilizzare.

Fonte

 
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di WebMagazine24
 
 

Autore dell'articolo: Cesare Di Simone

Passione sfrenata per tutto ciò che è tecnologico utente di lungo corso Android e sostenitore di tutto ciò che è open-source e collateralmente amante del mondo Linux. La maggior parte delle conoscenze che ho in ambito tecnologico le ho apprese da autodidatta, riparo Pc e nel tempo libero mi dedico a scrivere articoli su Technoblitz.it di cui sono co-fondatore oltre a scrivere anche su Blastingnews.