Greta Thunberg candidata al Premio Nobel foto

Premio Nobel per la Pace: Greta Thunberg e Zelensky tra i favoriti

 

ROMA – Il vincitore del Premio Nobel per la Pace, uno dei sei premi istituiti dal chimico svedese (e inventore della dinamite) Alfred Nobel nel 1895, sarà annunciato venerdì alle 11 ora locale a Oslo, in Norvegia. Il premio viene assegnato alle persone “che hanno conferito il massimo beneficio all’umanità”. Il vincitore viene selezionato dal Comitato norvegese per il Nobel, composto da cinque persone, nominato dal parlamento norvegese. Tra i favoriti per la vittoria, in base alle nomination rese pubbliche dai deputati norvegesi, alle previsioni dei bookmaker e alle scelte del Peace Research Institute di Oslo, c’è il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, che era nella lista TIME 100 del 2022.

Dopo l’invasione dell’Ucraina da parte del presidente russo Vladimir Putin il 24 febbraio, Zelensky è rimasto fermo a Kiev. Ha registrato un semplice messaggio, dicendo: “Siamo qui… Siamo a Kiev. Stiamo proteggendo l’Ucraina”. L’Agenzia delle Nazioni Unite per i Rifugiati L’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) è stato in prima linea nella risposta alle crisi in Ucraina e Afghanistan, fornendo assistenza in denaro e aiuti ai bisognosi. La guerra in Ucraina ha portato oltre 7,2 milioni di rifugiati dall’Ucraina in tutta Europa dal 24 febbraio e più di 6,9 milioni di ucraini sono stati sfollati internamente, secondo le Nazioni Unite. Si tratta della più grande crisi di rifugiati in Europa dalla seconda guerra mondiale.

Premio Nobel per la Pace: Greta Thunberg e Zelensky tra i favoriti

L’attivista svedese per il clima Greta Thunburg, persona dell’anno 2019 del TIME, ha mantenuto la pressione sulle potenze globali affinché facciano di più per combattere la crisi climatica. Thunberg ha parlato a lungo di una “mancanza di azione” sul cambiamento climatico. Nel 2021, ha liquidato il vertice COP26 sul clima come un “fallimento”, dicendo che non ha fatto abbastanza per ridurre drasticamente le emissioni di CO2. Più recentemente, ha preso di mira i politici svedesi, dicendo che hanno ignorato la crisi climatica in vista delle elezioni nazionali di settembre.

La politica dell’opposizione bielorussa Sviatlana Tsikhanouskaya vive in esilio da quando ha sfidato Alexander Lukashenko alle elezioni presidenziali del 2020 nel Paese. Dopo che Lukashenko ha rivendicato la vittoria due anni fa le manifestazioni contro il regime di Lukashenko sono continuate e la Tsikhanouskaya ha continuato a svolgere un ruolo chiave nello sfidare il presidente e le autorità nella richiesta di elezioni eque e la fine della violenza. Tsikhanouskaya era nell’elenco TIME100 Next del 2021, che onora i leader emergenti che plasmano il futuro.

Il leader dell’opposizione e attivista anticorruzione russo incarcerato Alexey Navalny è stato una figura chiave nella lotta per la riforme democratiche in Russia. Nel 2011, Navalny ha creato la Fondazione anticorruzione per indagare su funzionari russi di alto rango per corruzione. Per anni ha lavorato per ritenere responsabile il regime di Putin, insieme ai suoi oligarchi alleati. Il lavoro di Navalny ha avuto un costo elevato per la sua sicurezza e libertà personale. È sopravvissuto a un tentativo di omicidio nel 2020, quando è stato avvelenato da un agente nervino.

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24