Presidente AIA: “gli arbitri parleranno”

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Con il corso del tempo la comunicazione ha ricoperto un ruolo centrale in ogni aspetto della nostra vita. In particolar modo per i personaggi famosi, come i calciatori. Dai social fino alle interviste nei post partita, i calciatori sono i protagonisti dello sport e da sempre muovono un giro incredibile di soldi tramite sponsor. Un esempio è sicuramente Cristiano Ronaldo. Seguito da 262 milioni di persone su Instagram, CR7 è testimonial di spot per i più importanti brand al mondo. Per questo motivo, il nuovo Presidente AIA, vorrà rendere la comunicazione un ruolo centrale anche per la classe arbitrale.

Presidente AIA Trentalange: “Parleranno con i giornalisti”

Presidente aia

Gli arbitri hanno sempre evitato di parlare con i giornalisti nel corso della loro carriera. Questo perché è vietato dal loro regolamento, articolo 40, sez. 4 comma d, e perché temono che ci possa essere una manipolazione mediatica di ciò che viene detto.

L’assenza di una voce ufficiale AIA nei post partita che spieghi il motivo di un rigore o di un cartellino, crea polemiche e complotti. Un tentativo di ammodernamento della situazione c’è stato con l’ex arbitro Rizzoli, ora designatore arbitrale, apparso a Sky Calcio Club per spiegare le decisioni dei suoi uomini.

Per questo motivo Alfredo Trentalange, nuovo presidente dell’AIA, parla, intervistato da “La Gazzetta dello Sport“, della necessità, da parte degli arbitri, di adeguarsi alle nuove metodologie di comunicazione.Serve uno stile diretto oltre alla necessità che tutti gli organi tecnici parlino la stessa lingua – ha detto Trentalange -. Gli arbitri parleranno di più in futuro? Dobbiamo farlo, sarà una cosa naturale, anche con i mass media, e sarà un rapporto reciproco, nel rispetto dei ruoli, con le metodologie appropriate. Ma dobbiamo assolutamente adeguarci a una comunicazione più efficace e più aperta“.

Le parole del nuovo Presidente AIA aprono le porte degli arbitri al mondo della comunicazione, con la speranza di rendere questo sport sempre più trasparente, nel rispetto dei ruoli.

Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24