Rigore Milan, Varriale non ci sta: “Non aizziamo polemiche, ma episodi come quello ai tempi del VAR…”

 

In questa prima giornata di campionato, molti gli episodi che hanno fatto discutere i tifosi sui social e non solo: uno di questi è stato il rigore fischiato al Milan nel match casalingo contro l’Udinese per fallo di Soppy su Calabria. L’ex direttore di Rai Sport, Enrico Varriale, ha molto criticato la scelta dell’arbitro Marinelli, scrivendo un post sul suo profilo Twitter: “Tutti a dire: non aizziamo polemiche o  non si deve parlare sempre degli arbitri, e poi ne parlano tutti. La verità è che gli errori possono esserci sempre. Ma episodi come quelli del rigore al Milan o del gol annullato alla Sampdoria, ai tempi del VAR, restano inspiegabili“.

Tanti i commenti dei tifosi rossoneri arrabbiati con Varriale: “Non capisco la polemica per il rigore, non puoi entrare a piede a martello in area punto, cioè sempre il solito napoletano medio che in tutta la sua vita ha visto vincere mezzo scudetto“, oppure: “Non capisco tutte ste polemiche.. Come se il Milan non ieri non avrebbe vinto comunque” e poi: “Ma cosa ci vede di così scandaloso nel rigore dato al Milan? Mi sembra che stiate esagerando nel buttare nel calderone episodi veramente clamorosi con episodi che di clamoroso hanno poco, in un senso o nell’altro…non stiamo parlando mica di un gol di mano“.

C’è chi poi ha scritto: “Quello su Calabria è fallo tutta la vita. Soppy entra in ritardo sul difensore del Milan e lo travolge… Di che parliamo?” e poi: “Infatti è inspiegabile come ci sia voluto così tanto per dare al Milan un rigore solare come quello” e infine: “Era un rigore talmente netto, limpido e lampante che lo scandalo è che si sia dovuti andare al VAR. Poteva tranciargli una gamba. E andiamo“.

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Andrea Riva