equitalia

Rottamazione Cartelle Equitalia

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Con il decreto legge 193/2016 pubblicato il 24 Ottobre scorso, contente “Disposizioni urgenti in materia fiscale e per il finanziamento di esigenze indifferibili”, è stata varata la sanatoria per le cartelle Equitalia notificate tra il 1° Gennaio 2000 e il 31 Dicembre 2015.

Il 5 Novembre la stessa Equitalia ha pubblicato anche la modulistica necessaria per richiedere la definizione agevolata dei ruoli scaduti.

Quali Cartelle Equitalia sono Condonabili?

Ma non tutte le cartelle potranno essere oggetto di sanatoria. Quelle che rientrano nella definizione agevolata sono:

1) Tutte le cartelle esattoriale affidate ad Equitalia, notificate al contribuente tra il 1° gennaio 2000 e il 31 dicembre 2015 ma non pagate entro il consueto termine dei 60 giorni dalla notifica. Sono pertanto esclusi dal condono Equitalia, i ruoli notificati prima del 2000 e dopo il 2015.

2) Tutti i ruoli relativi a tributi, imposte, IVA fatta eccezione di quella riscossa all’importazione, i contributi previdenziali e assistenziali INPS e INAIL, multe per infrazione del Codice della Strada, in questo caso il condono è solo per gli interessi di mora e maggiorazioni, bollo auto e superbollo, ICI, tassa sui rifiuti, ma solo se il Comune aderisce alla sanatoria entro una certa data.

Iter per la sanatoria

Il contribuente al fine di ottenere lo sconto sui ruoli notificati ma non pagati entro 60 giorni, dovrà inviare modulistica rottamazione cartelle Equitalia entro il 23 gennaio 2017 con le modalità previste dal Dl 193/2016.

Dopo aver effettuato l’invio bisognerà attendere la comunicazione da parte dell’Agenzia di Riscossione, che dovrà arrivare entro il  24 Aprile 2017, contenente il ricalcolo degli importi condonati e le modalità di pagamento delle somme rimanenti.

Quali somme si pagano?

Ovviamente non tutte le voci presenti in una cartella saranno condonate. Anche con la definizione della rottamazione andranno comunque pagate le seguenti voci:

  • Interessi da ritardata iscrizione al ruolo;
  • Somme maturate a titolo di aggio, 4%, da calcolare solo sulla parte capitale e sugli interessi;
  • Spese per le procedure esecutive;
  • Spese di notifica della cartella.
  • Riguardo le cartelle multe stradali, oltre all’importo di base, il debitore dovrà pagare l’aggio della riscossione e le eventuali spese di esecuzione e notifica della cartella.

Come presentare la domanda

Per presentare la domanda di definizione agevolata delle cartelle EQUITALIA dovrete scaricare questo MODELLO, compilarlo in ogni sua parte con i propri dati anagrafici, i dati della cartella in oggetto e la scelta se pagare l’importo derivato dal ricalcolo a rate o in unica soluzione.

Una volta compilato il modello va presentato a mano presso gli Sportelli Equitalia oppure può essere inviato a mezzo PEC/MAIL, allegando il proprio documento di riconoscimento. La lista degli indirizzi PEC a cui poter inviare la documentazione la trovate QUI.

Una volta ricevuta la comunicazione entro il 24 Aprile 2017 i contribuenti che hanno richiesto la rateizzazione dovranno rispettare questi termini di pagamento:

  • il pagamento deve avvenire in 4 rate, le prime 3 delle quali sono pari a un terzo dell’intera somma e la quarta a un sesto;
  • le prime 3 rate devono essere versate entro venerdì 15 dicembre 2017;
  • la quarta ed ultima rata, invece, dovrà essere pagata entro giovedì 15 marzo 2018.

Ovviamente siamo a vostra completa disposizione per qualsiasi informazione o aiuto nella verifica dei requisiti e nella compilazione e invio della domanda. Vi basterà contattarci agli indirizzi riportati nell’apposita pagina.

Autore dell'articolo: Luigi Marra

Mi chiamo Luigi Marra, sono appassionato di Sport in generale ma in particolare di Formula 1 e Calcio. Nella Vita sono un Ragioniere e gestisco vari uffici di Caf e Patronato.