Rottamazione ter + Saldo e stralcio

Rottamazione ter + Saldo e stralcio: scadenza 30 aprile

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Scadenze fiscali 30 aprile 2019
👉 Vademecum Agenzia delle Entrate 👈
Rottamazione Ter + Saldo e stralcio

 

Roma, 26/04/2019 – Prossima la chiusura dei termini per Definizione agevolata 2018 Rottamazione ter + Saldo e stralcio: scadenza 30 aprile 2019.

📅 3️0️ aprile ⏰


Qui la guida su come aderire: alla Rottamazione ter (Decreto Legge n. 119/2018) ed anche al Saldo e stralcio (Legge n. 145/2018). La prima riguarda l’estinzione dei debiti iscritti a ruolo contenuti nelle cartelle; invece, la seconda riguarda una riduzione delle somme dovute, per persone fisiche in grave e comprovata difficoltà economica per alcune tipologie di debiti. Entrambe le linee di agevolazione riguardano somme affidate all’Agente della riscossione dal 01/01/2000 al 31/12/2017.


agenzia entrate Fisco: arriva la svolta

[adrotate banner=”37″]

📅 3️0️ aprile ⏰

Rottamazione Ter + Saldo e stralcio

La rottamazione Ter

Si può pagare fino a un massimo di 18 rate in 5 anni: le prime due (pari al 10%) nel 2019 e poi le 16 in quattro rate annuali di pari importo.

Novità: definizione agevolata anche per i carichi a titolo di ”risorse proprie tradizionali” dell’Unione Europea (tariffe doganali) e di IVA riscossa all’importazione.

Non rientrano nel beneficio:

  • recupero degli aiuti di Stato considerati illegittimi dall’Unione Europea;
  • poi, crediti derivanti da condanne pronunciate dalla Corte dei conti;
  • ed anche, multe, ammende e sanzioni pecuniarie dovute a seguito di provvedimenti e sentenze penali di condanna;
  • infine, sanzioni diverse da quelle irrogate per violazioni tributarie o per violazione degli obblighi relativi ai contributi e ai premi dovuti agli enti previdenziali.

Bisogna presentare la richiesta di “rottamazione”:

  • per i debiti per i quali non è mai stata chiesta una precedente Definizione agevolata;
  • inoltre, per i debiti per i quali si era già aderito alle precedenti edizioni delle “rottamazioni” (DL n. 193/2016 e DL n. 148/2017), e non si era provveduto al pagamento delle rate;
  • in aggiunta, per i debiti per i quali non è mai stata presentata domanda di definizione e, per effetto di pagamenti già effettuati, risultano ancora dovute unicamente le somme a titolo di sanzioni e interessi di mora.

Rientrano automaticamente nella “rottamazione-ter” senza presentare domanda:

  • i debiti per i quali si era già aderito alla Definizione agevolata introdotta dal DL 148/2017 (cosiddetta “rottamazione-bis”) a condizione che i pagamenti delle rate in scadenza (luglio, settembre e ottobre 2018) siano stati regolarizzati entro il 7 dicembre 2018;
  • i debiti, per i quali si era già aderito alle precedenti “rottamazioni” (con accoglimento della richiesta) riferiti a contribuenti che risiedono nei territori interessati dagli eventi sismici dell’Italia centrale nel 2016 e 2017.

L’Agenzia delle entrate riscossione, quindi, invierà agli interessati, entro il 30 giugno 2019, una “Comunicazione”. Tale comunicazione, dunque, conterrà il nuovo piano per il pagamento dell’importo ancora dovuto a titolo di Definizione agevolata; ripartito in 10 rate consecutive di pari importo (distribuite in 5 anni), con scadenza a luglio e novembre di ciascun anno. La scadenza della prima rata è fissata per legge al 31 luglio 2019.

I requisiti per richiedere il Saldo e stralcio.

ISEE non superiore a 20 mila euro

È prevista un pagamento agevolato che consiste in una percentuale ridotta a titolo di capitale nonché di interessi per ritardata iscrizione a ruolo (senza sanzioni e mora).

Le quote:

  • 16% delle somme dovute a titolo di capitale e interessi di ritardata iscrizione a ruolo con ISEE fino a 8.500 euro;
  • 20% delle somme dovute a titolo di capitale e interessi di ritardata iscrizione a ruolo con ISEE da 8.500,01 a 12.500 euro;
  • 35% delle somme dovute a titolo di capitale e interessi di ritardata iscrizione a ruolo con ISEE da 12.500,01 a 20.000 euro.

A tali importi sono da aggiungere, inoltre, le somme maturate a favore dell’Agente della riscossione a titolo di aggio, spese per procedure esecutive e diritti di notifica.

Possono aderire al “Saldo e stralcio”, sempre per i debiti rientranti nell’ambito applicativo della norma, anche i contribuenti (solo persone fisiche) per i quali, indipendentemente dal valore ISEE del proprio nucleo familiare, alla data di presentazione della dichiarazione di adesione alla Definizione, sia stata aperta la procedura di liquidazione di cui all’articolo 14-ter della Legge, n. 3/2012.

In questo caso, per i soggetti rientranti in tale fattispecie, l’importo da pagare a titolo di capitale e interessi di ritardata iscrizione è pari al 10% di quello dovuto.

Tipologie di debiti definibili

Singoli carichi affidati all’Agente della riscossione:

  • di imposte risultanti dalle dichiarazioni annuali e dalle attività previste dall’articolo 36-bis del D.P.R. 600/1973 e dall’articolo 54-bis del D.P.R. 633/1972, a titolo di tributi e relativi interessi e sanzioni;
  • dei contributi dovuti dagli iscritti alle casse previdenziali professionali o alle gestioni previdenziali dei lavoratori autonomi dell’INPS, con esclusione di quelli richiesti a seguito di accertamento.

Rottamazione ter + Saldo e stralcio: l’iter

Gli interessati possono aderire presentando la domanda attraverso il  form online del servizio “Fai D.A. te” per la Rottamazione Ter ed anche per il Saldo e stralcio.

Attenzione‼ la dichiarazione di adesione può essere trasmessa fino alle ore 23.00 del 30 aprile 2019 in area pubblica e fino alle ore 23.59 del 30 aprile 2019 in area riservata. Scaduti i termini il servizio sarà indisponibile.

Presentata la domanda si riceve una e-mail contenente un link da convalidare entro le 23.50 del 30 aprile 2019.

Convalidata la richiesta, si riceve una seconda e-mail di presa in carico con il numero identificativo della pratica e il riepilogo dei dati inseriti.

Infine, se tutta la documentazione in allegato è corretta, si riceve una terza ed ultima e-mail come ricevuta; inoltre, sarà allegato il Modello DA-2018 (rottamazione) oppure  Modello SA-ST (saldo e stralcio).

Oltre al servizio web “Fai.D.A.Te”, è possibile presentare la domanda di adesione 2018 entro il 30 aprile 2019:

Altre notizie di economia sulla pagina del sito.

Per favore supportaci e metti mi piace!!

Autore dell'articolo: Paolo Di Sante

Avatar
Ogni giorno genitori danno tutto per la famiglia, lavoratori si sacrificano per lo stipendio, disoccupati cercano lavoro, imprenditori e professionisti cercano di mandare avanti l'attività. E poi c'è l'Italia, un paese intasato di burocrazia e norme che sembrano remare contro chi si alza la mattina per affrontare la giornata. Tutto ciò ha mosso in me la voglia di pubblicare studi, ricerche ed appunti che sono frutto di oltre un ventennio di lavoro: adempimenti fiscali, civilistici ed amministrativi; servizi alle aziende ed alle persone in campo amministrativo e finanziario. Credo che la diffusione delle informazioni porti equità sociale. Il mio motto preferito: "l'unione fà la forza".