Salma Hayek – La diversità in Eternals non è forzata

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Salma Hayek dice che la diversità in Eternals non è forzata, perché la regista Chloé Zhao ha scelto ogni membro del cast per un motivo specifico. In un altro mondo, gli Eternals avrebbero debuttato l’anno scorso. Mancano invece ancora diversi mesi al rilascio, ritardato a causa della pandemia di coronavirus. Attualmente, il film dovrebbe arrivare a novembre; il primo trailer di Eternals è arrivato lunedì mattina. Dando ai fan uno sguardo adeguato a ciò che ci aspetta per il nuovo super team dell’MCU. Ricco di un cast di stelle, Eternals introdurrà il gruppo titolare di esseri cosmici nell’MCU. Zhao ha già ricevuto elogi per il suo lavoro sul film Marvel. Con la mente del MCU Kevin Feige che ha recentemente espresso ammirazione per come ha creato luoghi meravigliosi senza effetti speciali.

Salma Hayek parla della diversità in Eternals

Hayek, che interpreta Ajak per il film, ha recentemente parlato di Eternals come parte di un profilo più ampio. Discutendo la diversità del film, Hayek ha espresso il suo entusiasmo per l’approccio di Zhao. ” Penso che molte persone si sentiranno viste e questo è importante e questo è ciò che conta “, ha detto. Ha poi aggiunto: “ Non è diverso per il gusto di essere diversi. È il modo in cui ha scelto ognuno di noi che crea davvero una famiglia per lo scopo. Ai fini del film. Non sembra forzato .”

 

Nanjiani in precedenza ha fornito alcune informazioni sul processo di casting di Zhao , spiegando che ha scelto ogni attore per quello che potevano portare ai loro personaggi. Questo, insieme ai commenti di Hayek, suggerisce che Zhao si è concentrata semplicemente sulla ricerca della persona giusta. Guardare fuori dagli schemi può essere positivo. Il film ha un cast impressionante e sarà elettrizzante vedere Hayek e gli altri entrare nel ruolo di supereroi. Inoltre, come Eternals promette di presentare il primo eroe LGBTQ, così come il primo eroe sordo, sembra portare l’MCU in un nuovo territorio che il genere dei supereroi non ha ancora affrontato del tutto. È una cosa speciale.

Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24