Spaccio di sostanze stupefacenti ed estorsione, arrestate 4 persone a Pescara

intopic.it feedelissimo.com  
 

PESCARA – Quattro uomini sono finiti in carcere a Pescara con le accuse di spaccio di sostanze stupefacenti ed estorsione. Gli arresti sono stati eseguiti dalla locale Guardia di Finanza. Tutto ha avuto inizio lo scorso marzo, quando un 28enne della provincia di Pescara era finito in manette dopo essere stato beccato dalle Fiamme Gialle in possesso di circa 30 grammi di droga tra cocaina, pasticche, hashish e ketamina, oltre a circa 11.000 euro in denaro contante.

Una fiorente attività di spaccio tra Pescara e il litorale teramano

Le successive indagini hanno consentito di accertare che il giovane aveva messo in piedi una fiorente attività di spaccio tra Pescara e il litorale teramano, con la complicità di due cugini 30enni, entrambi residenti a Silvi (TE). Proprio questi ultimi, durante le scorse festività natalizie, insieme a un altro 34enne di Silvi avevano praticato estorsione verso alcuni acquirenti, colpevoli di non pagare la droga che era stata loro ceduta.

Fondamentali per arrivare a questo risultato sono state alcune chat, trovate sul telefono cellulare in uso all’arrestato, e un video, registrato il giorno di Capodanno del 2018, in cui si poteva osservare la scena di una violenta aggressione a un ragazzo, picchiato selvaggiamente da due uomini mentre un terzo riprendeva la scena.

Si è così accertato che il ragazzo picchiato aveva acquistato, circa 6 mesi prima, 20 grammi di sostanza stupefacente senza corrisponderne il corrispettivo, pattuito in 1.200 euro, se non in minima parte.

Gravi forme di intimidazione e violenza fisica

Gli arrestati si avvalevano spesso di gravi forme di intimidazione e violenza fisica per recuperare le somme di denaro dovute dai numerosi acquirenti. Il GIP di Teramo ha quindi disposto l’arresto dei quattro, 3 dei quali sono stati rintracciati e condotti presso la Casa Circondariale di Teramo, mentre il quarto ha ricevuto la notifica dell’ordinanza di custodia cautelare direttamente nel carcere di Chieti, dove era già detenuto.

“L’attività, che ha visto impegnati una ventina di militari e alcune unità cinofile del Comando Provinciale di Pescara, dimostra ancora una volta che il livello di attenzione al fenomeno della diffusione delle droghe soprattutto fra le fasce di età più giovane è sempre altissimo da parte della Guardia di Finanza e dell’Autorità Giudiziaria – si legge in una nota diramata dalla Gdf – Il colpo inferto dalle Fiamme Gialle di Pescara è solo l’ultimo di una campagna di contrasto posta in essere nel settore del contrasto al traffico ed allo spaccio di sostanze stupefacenti che, specie nei mesi estivi, è maggiormente fiorente”.

 
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di WebMagazine24
 
 

Articoli consigliati:


Autore dell'articolo: Massimo Giuliano