Orrore in Thailandia: uccide la figlia in diretta su facebook, poi si suicida

La Thailandia e il mondo intero sono sotto shock. Un ragazzo di 20 anni, Wuttisan Wongtalay, ha ucciso in diretta facebook la figlia di 11 mesi, Beta, impiccandola. L’uomo si è poi tolto la vita “off-line”. Il video, della durata di quattro minuti, è stato condiviso da migliaia di utenti ed è finito anche su Youtube prima che fosse rimosso.

La follia di un uomo

Wuttisan Wongtalay, 20 anni ha computo un gesto che ha lasciato inorriditi. L’uomo ha ucciso la figlia di 11 mesi, Beta, impiccandola. Come se non bastasse ha ripreso tutto su facebook live.  Alla fine, si è suicidato. La sua morte, però, non è stata ripresa.
E’ accaduto in Thailandia, in un palazzo abbandonato di Phuket.  A lanciare l’allarme è stata Jiranuch Trirat, 21enne madre della piccola e compagna dell’omicida, che non ha potuto far altro che assistere inerme all’omicidio della figlia e al suicidio dell’uomo.
Il movente sarebbe da cercare nella gelosia che nutriva nei confronti della donna.
A riferirlo è stata la stessa Jiranuch alla polizia.
Wuttisan, la sera prima, aveva controllato il cellulare della compagna, perchè sospettava che lei avesse un altro. Impazzito per la gelosia, ha minacciato di ucciderla. La donna, impaurita, è fuggita di casa, lasciando la figlia con il padre.
Quando è tornata, la casa era vuota.

Il video dell’orrore

La diretta live su facebook dell’omicidio della piccola Beta da parte del padre,  Wuttisan Wongtalay è stata condivisa fino ad arrivare a 258.000 visualizzazioni. Il video è stato anche postato su Youtube e visualizzato migliaia di volte prima della rimozione avvenuta su segnalazione della Bbc.
In Thailandia, un’emittente, ha perfino ritrasmesso la scena, sfocando il viso della bimba, ma facendo sentire il suo pianto disperato. 
La cosa ha causato polemiche a non finire.
La stessa madre della piccola, ha assistito in diretta all’omicidio della sua bambina, senza poter intervenire. Quando ha chiamato la polizia era già troppo tardi. Giunti sul luogo, infatti, i poliziotti non hanno potuto far altro che constatare la morte di padre e figlia per impiccagione.

VAI