X2O Trofee

X2O Trofee, Wout Van Aert: “Bello fare un podio alla prima gara”

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

La X2O Trofee, vale a dire l’Urban Cross di Kortrijk, è giunta alla seconda prova che si è corsa oggi, sabato 28 novembre. Per il corridore Wout Van Aert, questa prova di ciclocross si è chiusa con la conquista del terzo gradino del podio finale. Sul gradino più alto del podio è salito invece il fortissimo Eli Iserbvt, mentre al secondo posto il neerlandese Laars van der Haar. Nonostante il terzo posto raggiunto nella prova, Wout Van Aert si è detto soddisfatto per la prestazione avuta nella gara. Il corridore si sta concentrando ora sul suo prossimo obiettivo, ossia la prova di coppa del mondo in programma domani a Tabor. Il percorso si presenta più adatto alle sue caratteristiche rispetto alla prova di oggi.

X2O Trofee, Wout Van Aert, commenta la sua prova

Al termine della prova, Wout Van Aert ha commentato così la sua prestazione: “Era una corsa che prevedeva molte pieghe e svolte. Nell’ultimo giro ero un po’ al limite, così ho iniziato a commettere degli sbagli. È bello fare un podio nella mia prima gara. Domani abbiamo un’altra corsa a Tabor e penso che quello sia un percorso più adatto a me rispetto a quello di oggi”.

Ricordiamo che anche questa challenge ha subito dei grandi cambiamenti a causa della pandemia mondiale. Infatti, la challenge si comporrà di sole cinque prove e non più di undici come erano originariamente in programma. Questo perchè gli organizzatori non hanno avuto la possibilità di sostenere i costi, vista la crisi economica che ha gravato su tutti i settori dello sport a causa del Covid-19.

Sono sicuramente mancati anche gli introiti degli spettatori che non possono più assistere alle manifestazioni sportive fino al calo dei contagi e ad un assestamento della pandemia. Non resta quindi che seguire la corsa per vedere quale risultato riuscirà a portare a casa Wout Van Aert.

Fonte foto: https://www.oasport.it

Autore dell'articolo: Annamaria Sabiu