Arresti per droga

Accoltellato a scuola un ragazzo quindicenne, é accaduto in Sardegna

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Una questione dai contorni davvero poco edificanti

Senorbì – Continuano senza sosta gli episodi, non solo di bullismo, ma addirittura quelli con le stimmate dell’atto criminale. Teatro degli episodi: la scuola. Un luogo dove sta divenendo sempre più difficile lavorare, sia per gli insegnanti che per gli studenti. Un’escalation di violenza, che mette in risalto come la società italiana, necessiti di una rifondazione che deve, obbligatoriamente, partire dalle fondamenta e non dalla cima. In Sardegna è  accaduto un episodio gravissimo, ancora una volta con protagonisti alcuni minorenni. Più precisamnete ci sono state delle coltellate in aula a Senorbì. È successo all’istituto Einaudi, dove uno studente è rimasto ferito, ed ora è ricoverato presso un nosocomio cittadino con una prognosi di circa venti giorni.

Il fatto nei particolari

Il coltello era nelle mani di un ragazzo di appena sedici anni. Si è trattato di una pattadese (tipico coltello regionale) con il quale ha raggiunto, fortunatamente in maniera non mortale, con la lama un compagno di quindici anni, col quale pare avesse avuto pochi minuti prima un litigio nella palestra scolastica. Gli altri studenti sono rimasti basiti, e l’insegnante ha portato il ferito nell’infermeria della scuola, per prestare i primi soccorsi  allo studente malcapitato.  Subito dopo si è reso necessario il ricorso alle cure mediche, e lo studente ferito è  stato portato all’ospedale, tramite l’utilizzo degli uomini e mezzi del 118.

Le indagini

Della brutta vicenda ora si stanno occupando i militari dell’arma. Il coltello è stato posto sotto sequestro, mentre il sedicenne è stato segnalato alla Procura per i Minorenni. Inoltre è stato denunciato per lesioni volontarie e possesso di oggetti pericolosi, in grado di offendere in maniera pericolosa o addirittura mortale. Insomma si è sfiorata una vera e propria tragedia, per questioni a dir poco futili. La scuola non può  e non deve diventare un luogo, dove si verificano atti delinquenziali, ma deve essere una palestra di vita e di insegnamenti, che serviranno per affrontare al meglio la vita.

Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24