Orlando sul Superbonus: “Serve un’uscita graduale e morbida”

“Affrontare subito il tema dei salari, serve un salto di qualità”: la ricetta di Orlando

 

FABRIANO – “Affrontare subito il tema dei salari. Sono preoccupato ma non pessimista. Si apre una fase difficile nella quale ci saranno molte cose destinate a cambiare, ma che dà anche a un territorio come questo nuove opportunità”. Così il ministro del Lavoro e delle Politiche sociali, Andrea Orlando (Pd), a Fabriano per un appuntamento elettorale a sostegno della candidata a sindaca Daniela Ghergo. “Negli ultimi 5 anni, calo demografico molto forte in Italia e un milione di giovani che hanno lasciato il proprio paese per andare a lavorare in altri Paesi dell’Ue – ha ricordato – E questo perché negli ultimi 30 anni i salari invece che salire, sono calati, unico Paese europeo. Occorre invertire questo trend”.

Secondo il ministro Orlando servono gli strumenti per affrontare il futuro. “Abbiamo fatto una riforma degli ammortizzatori sociali e una legge sulle delocalizzazioni, varata con molta fatica, costruendo un percorso nel quale nessuno può essere licenziato con un messaggio e con sanzioni che non rispettano le procedure”.

“Affrontare subito il tema dei salari, serve un salto di qualità”: la ricetta di Orlando

“Ora serve un ulteriore salto di qualità. Il tema dei salari va affrontato subito – ha concluso – perché se cresce inflazione e costi e i salari sono fermi, calano i consumi interni. Sto ponendo il problema, prendendomi gli strali dai vertici di Confindustria, per inserire pratiche che evitino il lavoro povero: si lavora, ma non si è in grado di far fronte ai bisogni delle proprie famiglie”.

“Io non ho mai fatto una chiusura sul cuneo fiscale – ha detto Orlando nella successiva iniziativa a Jesi a sostegno di Lorenzo Fiordelmondo – dico che ridurre il cuneo fiscale non basta. In 30 anni il cuneo fiscale, seppure di poco, è diminuito ma i salari se non sono cresciuti. Quindi sono cose che vanno fatte contemporaneamente: – ha spiegato – rivedere le modalità della contrattazione, stabilire degli strumenti contro il lavoro povero e ridurre il cuneo fiscale sono cose che devono procedere insieme. Se si continua a dire prima questo e poi quell’altro, questo sì, quell’altro no – ha concluso – vuol dire che non si vuole fare niente”.

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24