Anche Mara Carfagna saluta Forza Italia

Anche Mara Carfagna saluta Forza Italia

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

ROMA – Anche Mara Carfagna saluta Forza Italia. Dopo Gelmini e Brunetta anche la ministra per il Sud ha ufficializzato la sua decisione di lasciare il partito degli azzurri. Questa la nota diffusa oggi dalla Carfagna:

“Per questioni di stile non esprimo giudizi su come Forza Italia ha gestito questa crisi, assumendo una decisione che non ho condiviso, che sono convinta vada contro l’interesse del Paese e di cui non ho mai avuto l’opportunità di discutere in una sede di partito. Sono grata al presidente Berlusconi per le opportunità che mi ha offerto e la fiducia che mi ha testimoniato in questi anni, ma quanto accaduto ieri rappresenta una frattura con il mondo di valori nei quali ho sempre creduto che mi impone di prendere le distanze e di avviare una seria riflessione politica”.

Anche Mara Carfagna saluta Forza Italia

Il ministro della pubblica amministrazione, Renato Brunetta, aveva invece deciso di lasciare Forza Italia perché il partito, non votando la fiducia a Mario Draghi, “ha deviato dai valori fondanti della sua cultura: l’europeismo, l’atlantismo, il liberalismo, l’economia sociale di mercato, l’equità. I cardini della storia gloriosa del Partito popolare europeo, a cui mi onoro di essere iscritto, integralmente recepiti nell’agenda Draghi e nel pragmatismo visionario del Pnrr”.

Maria Stella Gelmini, invece, è intervenuta con queste parole allo speciale del Tg1 Rai: “Non posso riconoscermi in questa scelta che ci mette sullo stesso piano del Movimento 5 stelle. Credo personalmente che non sia attribuibile direttamente al presidente Berlusconi. Sono convinta che se il presidente Berlusconi avesse potuto non essere spettatore ma poter valutare l’operato del governo Draghi e al tempo stesso la crisi da Roma in presenza durante queste giornate, credo che l’esito della crisi sarebbe stato diverso”.

Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24