Baku: il circuito cittadino più veloce al mondo

Baku: il circuito cittadino più veloce al mondo

Il 2016 ha visto la gara inaugurale del Gran Premio d’Azerbaijan. Si è svolta a Baku, nella capitale dell’Azerbaijan. Il circuito cittadino si è affermato come una delle piste più emozionanti del calendario con le velocità di punta raggiunte, attraverso tratti stretti e il panorama pittoresco.

La storia di Baku

La gara è ospitata a Baku, nella capitale dell’Azerbaigian. Baku è la città più grande del paese con i suoi 3,2 milioni di abitanti. È anche la città più grande della regione del Mar Caspio. Con la sua posizione di 28 metri sotto il livello del mare, essa è la città più grande situata al di sotto del livello del mare.

La città è il cuore dell’Azerbaigian perché è il centro scientifico, culturale e industriale del paese.

Baku è soprannominata “Città dei Venti” a causa dei suoi venti forti. Può rendere particolarmente difficile la vita degli ingegneri e dei piloti, poiché i cambiamenti rapidi della direzione e della velocità del vento possono avere un impatto massiccio sulla configurazione delle vetture.

La pista è stata progettata dal team dell’architetto tedesco Hermann Tilke.

«Il nostro brief per Tilke è stato semplice: creare un circuito unico, quello che aiuterà il Gran Premio a stabilirsi rapidamente come uno dei luoghi più eccitanti ed emozionanti del calendario F1», ha dichiarato Azad Rahimov, Ministro della gioventù e dello sport dell’Azerbaijan.

«Più importante ancora, volevamo una pista che mostrasse il meglio di Baku, la nostra capitale e sono contento che il circuito abbia raggiunto esattamente quel fine».

La pista con la doppia faccia

La pista è lunga 6.003 metri. Significa che la distanza della gara copre 51 giri. I piloti girano in senso antiorario per coprire la distanza di 306.153 km. La pista è composta da 20 curve, di cui 12 a sinistra e otto a destra.

Le curve della parte centrale della pista sono delle curve a bassa velocità, ci sono nove curve che vengono affrontate sotto i 100 km/h. Quattro curve sono affrontate con una velocità di circa 250 km/h. Ci sono nove zone di frenata, cinque delle quali comportato un utilizzo elevato dei freni.

I piloti raggiungono velocità di punta superiori ai 340 km/h. Queste ultime, tuttavia, dovrebbero diminuire notevolmente quest’anno a causa dei cambi aerodinamici di quest’anno che hanno portato un notevole aumento del carico aerodinamico.

La velocità media è di circa 198 km/h. I piloti spendono il 49% del giro a pieno gas e cambiano le marce 78 volte durante un giro.

Pirelli porterà a Baku il trio di gomme medie-soft-supersoft. I piloti hanno affrontato problemi di riscaldamento nel 2016 e con le gomme di quest’anno, potrebbe essere ancora più difficile preparare gli pneumatici per i giri di qualifica.

L’anno scorso, il vincitore della gara, Nico Rosberg ha optato per un’unica sosta, ma la maggioranza dei piloti ha puntato per due soste. La corsia box è lunga 390 metri.

Il record sul giro secco è stato di 1: 42.758 registrato da Nico Rosberg che ha anche fissato il miglior tempo di gara in 1: 46.485 con la Mercedes.

Fonte

 
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di WebMagazine24
 
 

Articoli consigliati:


Autore dell'articolo: Cesare Di Simone

Passione sfrenata per tutto ciò che è tecnologico utente di lungo corso Android e sostenitore di tutto ciò che è open-source e collateralmente amante del mondo Linux. La maggior parte delle conoscenze che ho in ambito tecnologico le ho apprese da autodidatta, riparo Pc e nel tempo libero mi dedico a scrivere articoli su Technoblitz.it di cui sono co-fondatore oltre a scrivere anche su Blastingnews.