Basket Final Eight

Basket Final Eight: Paffoni Omegna-Unibasket

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

PESCARA – Basket Final Eight. Solo applausi per l’Unibasket Amatori Pescara. In semifinale ci va Omegna, che batte i biancorossi 73-70, ma la squadra del presidente Carlo Di Fabio esce dalla Coppa Italia a testa altissima. Non è fortunata la seconda apparizione consecutiva alla Final Eight e termina alla prima gara. Ma la squadra di Rajola ha messo in campo cuore, grinta e attributi in grado di annullare un avvio choc (14-0); di passare avanti all’intervallo lungo e di condurre le danze per vari frangenti del match.

Non hanno di certo aiutato alcuni fischi arbitrali non felici e alla fine festeggia la Paffoni. Ma il pubblico pescarese, arrivato in massa a Porto Sant’Elpidio, può essere orgoglioso del suo team.

[adrotate banner=”24″]

Basket Final Eight: Paffoni Omegna-Unibasket Amatori Pescara, la gara

Dopo le vittorie di Cesena e Faenza rispettivamente su Salerno e Caserta, tocca all’Unibasket Amatori sfidare la Paffoni Omegna per il terzo quarto in programma. Coach Stefano Rajola sceglie Caverni, Carpanzano, Leonzio, Micevic e Capitanelli; per dare il via alla contesa che mette in palio l’accesso alla semifinale contro la vincente della successiva sfida tra San Severo e Firenze.

Parte fortissimo Omegna con un parziale di 10-0 che induce coach Rajola a chiamare il primo timeout dopo 3’11’’ e ad avvicendare Carpanzano con Potì. Ma la musica non cambia, i piemontesi incrementano il parziale di altri 4 punti con personalità e senza subire.

Un nuovo cambio tra i biancorossi, con Gay che rileva Leonzio, produce finalmente il primo canestro di Pescara proprio con il nuovo entrato dai 6.75; dopo 6’ da inizio partita (14-3). C’è spazio in quintetto anche per Serafini (al posto di Capitanelli); e per Pedrazzani (in luogo di Micevic) e il distacco scende al di sotto delle 10 lunghezze grazie a una bomba di Potì.  Ed anche a un appoggio di Serafini a 20’’ da fine tempino (18-10).

Basket Final Eight: Omegna-Amatori, secondo quarto intenso e combattuto

Una bella penetrazione di Leonzio apre un secondo quarto intenso e combattuto; nel quale la panchina pescarese avvicenda spesso molti dei suoi effettivi per provare a dare impulso alla rimonta.

Dopo 2’30’’ Pescara accorcia sino al -5 (21-16) e poi, nonostante qualche fischio arbitrale non felice, rosicchia altri due punti; alla Paffoni a metà tempino (25-22). La spinta del pubblico pescarese, arrivato in massa a Porto Sant’Elpidio, diventa davvero il sesto uomo in campo. La squadra del presidente Di Fabio accorcia di un altro punto a 3’ dall’intervallo (30-28).

Il collettivo biancorosso ha ritrovato giocate e grinta e una perfetta penetrazione di Ennio Leonzio produce la parità sul 35-35 a 23’’ da fine quarto. Finito qui? No, perché i piemontesi sbagliano il possesso e anzi mandano in lunetta Carpanzano che chiude i primi 20 minuti con il primo sorpasso pescarese (35-37). Cuore, attributi e bel basket: la ricetta della rimonta è stata questa.

Basket Final Eight, grande partita tra Paffoni Omegna e Unibasket Amatori

Coach Rajola si affida a Caverni, Leonzio, Potì, Micevic e Big Cap per l’inizio del secondo tempo. I 5 punti iniziali firmati da Potì producono anche il + 7 dopo 2’ da inizio terzo quarto. Arrigoni non ci sta e prova a trascinare i suoi, che restano in partita nonostante le ottime giocate di Micevic e Leonzio. Rajola continua ad attingere dalla panchina per cambiare i propri effettivi e mantenere alta la tensione del suo quintetto, che risponde bene ad ogni combinazione proposta. Grande spinge sino al -2 i piemontesi a 3’30’’ da fine tempino, ma due giocate di Serafini e Carpanzano, a esaltare il grande cuore di tutta la truppa, in un minuto riportano Pescara a + 6 (46-52). Il finale del terzo parziale, però, è tutto piemontese e una bomba di Scali produce il 53-52 con il quale si aprirà l’ultimo quarto e quindi il sorpasso.

L’ultima frazione si apre con la tripla del contro-sorpasso griffata Potì e con i due punti a testa dei nuovi Pedrazzani e Gay per il 53-59. E’ ancora una volta Arrigoni ad incaricarsi di trascinare i compagni e così Omegna torna a -1 dopo 3’30’’ e addirittura va in vantaggio 30’’ dopo grazie ad una bomba di Grande (61-60). E’ il preludio ad un finale di fuoco punto a punto, fatto inizialmente di sorpassi e contro-sorpassi, fino al +3 piemontese (67-64) a 2’ dalla sirena firmato Balanzoni. Al rientro da un timeout Potì sigla il pari (67-67), poi Cantone e Balanzoni producono il parzialino di 4-0 che non verrà più colmato nonostante la bomba finale di Caverni. Passa Omegna, che vince 73-70, ma l’Unibasket Amatori Pescara esce a testa altissima dalla competizione.

Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24