Batteri della polvere del letto rendono i bambini più sani

Batteri della polvere del letto rendono i bambini più sani

 
RSS
Follow by Email
Twitter
Visit Us
Follow Me

A volte i ricercatori analizzano le cose più strane. Tuttavia possono risultare interessanti. In particolare, una di esse suggerisce che i microrganismi possono ridurre il rischio di un bambino di sviluppare asma, allergie e malattie autoimmuni con il passare degli anni. Invisibili all’occhio umano, i nostri letti pullulano di vita microbica. È la vita che, specialmente durante la prima infanzia, può influenzare il modo in cui si sviluppano i microrganismi nel nostro corpo e quindi la nostra resistenza a varie malattie. I batteri della polvere del letto, dunque, rendono i bambini più sani. 

Per comprendere meglio questa relazione, i ricercatori hanno analizzato campioni di polvere dai letti di 577 neonati prima di confrontarli con campioni respiratori di 542 bambini. È il più grande studio del suo genere. Come obiettivo avevano quello di determinare quali ambientali influenzano la composizione dei microrganismi nella polvere del letto. Inoltre, volevano capire se esisteva una correlazione tra i microrganismi della polvere del letto e i batteri nelle vie aeree dei bambini.

Vediamo una correlazione tra i batteri che troviamo nella polvere del letto e quelli che troviamo nei bambini. Sebbene non siano gli stessi batteri, è una scoperta interessante che suggerisce che questi batteri si influenzano a vicenda. Potrebbe rivelarsi di avere un impatto sulla riduzione dei rischi di asma e allergia negli anni successivi“, afferma Søren J. Sørensen, professore presso il dipartimento di biologia dell’Università di Copenhagen.

Batteri della polvere del letto dei bambini: lo studio che mostra il miglioramento delle condizioni di salute

Un’elevata diversità di microrganismi in casa contribuisce allo sviluppo della resistenza di un bambino a una serie di malattie e allergie. I letti possono essere un collettore centrale di batteri, funghi microscopici e altri microrganismi. “Siamo ben consapevoli che i microrganismi che vivono dentro di noi sono importanti per la nostra salute, ad esempio per quanto riguarda l’asma e le allergie, ma anche per le malattie umane come il diabete tipo 2 e l’obesità. Ma per migliorare nel trattamento di queste malattie, dobbiamo comprendere i processi attraverso i quali i microrganismi emergono durante le nostre prime fasi della vita. E sembra che il letto abbia un ruolo importante”, afferma Sørensen.

I microrganismi in un letto sono influenzati dall’ambiente circostante di un’abitazione. Un’elevata diversità batterica risulta benefica“, afferma. “Lo studio dimostra che cambiare costantemente le lenzuola potrebbe non risultare necessario. Dobbiamo indagare un po’ più da vicino prima di poterlo dire con certezza“. Un totale di 930 diversi tipi di batteri e funghi sono stati trovati nella polvere raccolta dai letti dei bambini di circa sei mesi.

La ricchezza di batteri dipendeva in gran parte dal tipo di abitazione da cui veniva prelevato il campione. I ricercatori hanno studiato sia le abitazioni rurali che quelle urbane. Le case rurali avevano livelli di batteri significativamente più alti rispetto agli appartamenti urbani.  Da studi precedenti, i ricercatori sanno anche che anche gli animali domestici, i fratelli maggiori e la vita rurale contribuiscono a ridurre il rischio di sviluppare malattie autoimmuni.

Via

Fonte immagine copertina: Pixabay

Please follow and like us:
Pin Share
 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Francesco Menna

Mi chiamo Francesco, classe 96. Laureato in Ingegneria Meccanica e studente alla magistrale di Ingegneria Meccanica per l'Energia e l'Ambiente alla Federico II di Napoli. Passione sfrenata per tutto ciò che ha un motore e va veloce. Per info e collaborazioni inviare una mail a framenna96@gmail.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *