Bellanova propone un bonus salva ristoranti

Bellanova propone un bonus salva ristoranti

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

ROMA – Bellanova propone un bonus salva ristoranti, con 5.000 euro a fondo perduto erogati a 180mila esercizi pubblici. L’idea della ministra della Politiche agricole sembra quasi una risposta alle polemiche dei giorni scorsi seguite alle dichiarazioni di Laura Castelli.

“La filiera agroalimentare italiana – ha detto all’Ansa la ministra – deve essere considerata nella sua prospettiva ampia: dal lavoratore agricolo al consumatore. In questa ottica il settore ho.re.ca rappresenta un anello cruciale, direi determinante, considerata soprattutto la quota significativa di prodotto agroalimentare nazionale, inclusi vini e bevande, che viene assorbita da ristoranti e pizzerie, e che influisce in modo rilevante sui segmenti di eccellenza delle nostre produzioni”.

Bellanova propone un bonus salva ristoranti

E ancora, sempre la ministra Teresa Bellanova:

“L’emergenza Covid-19 e la prolungata chiusura di gran parte di questi esercizi ha determinato uno stress che si ripercuote su tutti i soggetti economici coinvolti nel sistema agroalimentare. E’ necessario favorire il più possibile la fase di mantenimento in vita degli esercizi di ristorazione con una misura immediata che inietti liquidità per poter mettere queste imprese nelle condizioni di riattivare rapidamente le forniture di alimenti e che potenzi quanto già previsto nel Decreti Liquidità e Rilancio. Ecco dunque la proposta di un Fondo ad hoc, per un Bonus Filiera Italiana”.

Soddisfatte le associazioni di categoria:

“Una misura importante – evidenzia Coldiretti – per garantire un’immediata iniezione di liquidità nel sistema”.

Per Lino Enrico Stoppani, presidente di Fipe-Confcommercio:

“Questa iniziativa ha un valore simbolico. Testimonia finalmente l’attenzione delle istituzioni ad un comparto troppo spesso sottovalutato, nonostante sia fondamentale per le filiera turistica e per quella agro-alimentare”.

Autore dell'articolo: Elena De Lellis