Binotto non è più direttore tecnico della Ferrari

Binotto non è più direttore tecnico della Ferrari

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Mattia Binotto, fino allo scorso Gran Premio di Gran Bretagna copriva due ruoli nella Scuderia Ferrari. Parliamo dei ruoli di direttore tecnico e di Team Principal. Binotto ha dovuto destreggiarsi tra le responsabilità dell’intera organizzazione di Maranello, un ruolo assolutamente non facile. Proprio per questo motivo, Mattia Binotto non è più direttore tecnico della Ferrari in Formula 1. 

La svolta della decisione arriva dopo un inizio di 2020 piuttosto critico che ha visto la Ferrari raccogliere davvero pochi punti in ottica campionato. La rivoluzione del team è iniziata la scorsa settimana. Infatti, la scuderia può contare su un nuovo reparto di divisione di sviluppo delle prestazioni.

Le modifiche consentiranno ora a Binotto di allontanarsi dall’essere direttamente pratico con gli aspetti tecnici. In questo modo può concentrarsi meglio su altri aspetti che aiuteranno la Ferrari. “Ci è voluto del tempo per organizzarci, per assicurarsi che il reparto tecnico fosse riorganizzato“, ha detto a proposito dei recenti cambiamenti all’interno della Ferrari. “Non è qualcosa che fai in un giorno“.

Binotto non è più direttore tecnico: quando vedremo cambiamenti “effettivi”?

Sono consapevole, ora che abbiamo le persone nel ruolo giusto, che hanno responsabilità e sono in grado di fare il lavoro giusto, di non svolgere più il lavoro di direttore tecnico. Ci sono altre persone che lo fanno. Hanno obiettivi chiari. Penso che siano sicuramente altrettanto entusiasti e concentrati sugli obiettivi che devono raggiungere. Dalla mia parte ci sono molte cose che devo fare. Sicuramente tenere d’occhio”, spiega Binotto.

La scorsa settimana, il presidente della Ferrari John Elkann ha dichiarato il suo pieno sostegno per il lavoro svolto da Binotto. Ha chiarito che non si aspettava che la squadra tornasse a vincere prima del 2022. Alla domanda su tale sostegno, alleato alle sfide del suo lavoro , Binotto ha detto: “È certamente difficile, ma è anche un onore, non dovremmo dimenticarlo. Penso che se guardi indietro, abbiamo avuto stagioni competitive. Oggi non siamo affatto competitivi, ma sono abbastanza sicuro di poter invertire la tendenza in futuro”.

Via

Fonte immagine copertina: Pixabay

Autore dell'articolo: Francesco Menna

Mi chiamo Francesco, classe 96. Laureato in Ingegneria Meccanica e studente alla magistrale di Ingegneria Meccanica per l'Energia e l'Ambiente alla Federico II di Napoli. Passione sfrenata per tutto ciò che ha un motore e va veloce. Per info e collaborazioni inviare una mail a framenna96@gmail.com